Enti in rete L.482/99   

Roccabruna

La Ròcha

Roccabruna
italiano Roccabruna è un comune di 1524 abitanti, posto a 700 metri di altitudine all’imbocco della Valle Maira. È composto da oltre 90 borgate e frazioni, sparse dal tratto pianeggiante fino alle falde del Monte Roccerè, e ai bastioni della Rocca Cubiera e della Rocca Bruna, rupe di colore scuro dalla quale probabilmente deriva il nome. Qui sorgeva, tra il XIII e il XVI secolo, il castello di cui oggi restano soltanto poche rovine.
Roccabruna fu abitata fin dalla preistoria dalle popolazioni Celto-Liguri, prima della sottomissione a Roma, come testimonia un’epigrafe rinvenuta insieme ad altri reperti archeologici nell’area dell’attuale chiesa di San Ponzio e databile al I secolo d.C. Il nome di Roccabruna fu citato per la prima volta nel 1028; in un documento del 1226 vengono citate le chiese di San Giuliano e di Santa Maria di Foglienzane, mentre nel 1312 viene nominata per la prima volta la chiesa del capoluogo. Nel XIII secolo è sotto il dominio del Marchesato di Saluzzo, quindi annessa al comune di Dronero, ma nel 1510 ottenne da Margherita di Foix, vedova di Ludovico II, un proprio statuto e una parziale indipendenza da Dronero, che divenne poi completa nel 1694. Dal 1588 era però controllata dai Savoia, sotto il cui dominio passa definitivamente con il trattato di Lione del 1601.
Nel periodo tra le due guerre mondiali si è registrata una forte emigrazione, dapprima stagionale e poi definitiva: oggi si assiste ad un ritorno di popolazione nelle borgate con la ristrutturazione di seconde case e lo spostamento dalla confinante Dronero.
Il settore più sviluppato oggi è quello artigianale; in passato, l’economia si basava in larga parte sullo sfruttamento del castagno, abbondantissimo nei boschi circostanti.
Di interesse è l’area archeologica del Monte Roccerè, importante sito di archeologia rupestre, dove antiche coppelle scolpite nella roccia, datate all’età del Bronzo, sono testimonianza dei primi insediamenti umani in Valle Maira. Il sito archeologico è oggi considerato il terzo per rilevanza a livello italiano, dopo quelli della Valcamonica e della Valtellina.
Roccabruna è stato il primo comune in Italia a realizzare, nel 2001, un progetto di ridefinizione della toponomastica con l’intento di intitolare le vie del paese a personaggi o aspetti della lingua e cultura occitana.

occitan La Ròcha es una comuna de 1524 abitants, a 700 metres d’autessa a l’emboch de la Val Maira. Es formaa da mai de 90 ruaas e fracions, da la plana fins ai pè del Mont Roccerè, e ai bastions de la Ròcha Cubiera e de la Ròcha Bruna, baus de color escur d’ente ven son nom. Aquì, entre lo XIII e lo XVI secle, se trobava lo chastèl: encuei resta quarque roina.
La Ròcha era popolaa jà en la preistoria da popolacions Celto-Liguras, drant de la sotmission a Roma, coma documentat da una epigrafa retrobaa dapè a l’actuala gleisa de Sant Ponç del I secle d.C.. Lo nom de La Ròcha pareis per lo premier bòt ental 1028; ent’un document del 1226 son citaas las glèisas de Sant Julian e de Santa Maria de Folhençanas, e ental 1312 se parla per lo premier bòt de la gleisa del cap luòc. Ental XIII secle es sot lo domini del Marquesat de Saluces, puei estachaa a la comuna de Draonier, mas ental 1510 Margherita de Foix, vidoa de Ludovico II, lhi dona un estatut e una parciala endependença da Draonier, que puei deven completa ental 1694. Totun despuei lo 1588 era controlaa dai Savòia, que la dominarèn definitivament après lo tractat de Lion del 1601.
Entre las doas guerras mondialas lhi a agut una fòrta emigracion, drant estagionala e puei definitiva: encuei la popolacion plan plant torna a las ruaas butant a pòst las maisons des vacanças o se meirant da la vesina Draonier.
Lo sector pus esvilupat encuei es aquel artisanal; ental passat, l’economia era liaa esquasi mec ai chastanhiers, qu’emplinisson lhi bòscs a l’entorn.
D’enterés es l’area arqueològica del Mont Roccerè, important site d’arqueologia rupestra, ente anticas copelas en la ròcha, dataas a l’etat del Bronç, son testimoniança di premiers ensediaments umans en Val Maira. Lo site arqueològic es encuei lo terç a livèl italian, après aqueli de la Valcamonica e de la Valtellina.
La Ròcha es estaa la premiera comuna en Italia a realizar, ental 2001, un projèct de redefinicion de la toponomastica per titolar las vias del paìs a personatges o aveniments de la lenga e cultura occitana.