Enti in rete L.482/99   

Roccavione

Rocavion

Roccavione
italiano Dominata dalla rupe detta del Santo Sudario, Roccavione sorge a 646 m di quota presso la confluenza dei torrenti Gesso e Vermenagna, della cui valle fa parte. Numerose sono le sue borgate, tra cui Brignola, e i Tetti Parachetto, Piano, Cherro, Sales, Ghigo, Giordana, Massa Soprano, Battista Massa, Tonietto: la popolazione è di 2870 abitanti.
La prima attestazione risale a un documento del 1041, ove era detta Rocha Corvaria, rocca dei corvi, e citata tra le dipendenze del monastero di Pedona. L'attuale denominazione risale al XII secolo, come Roccaguidone o Rupe Vidonis, in riferimento ad un personaggio germanico ritenuto fondatore dell’insediamento. Nel 1163 il paese è governato da propri signori sottoposti al marchese di Saluzzo; nel 1197 passa al marchese di Monferrato che la concede in feudo a Bonifacio, figlio di Manfredo di Saluzzo. Roccavione è teatro di battaglie nel 1231 e nel 1275, e nel 1309 entra a far parte del distretto di Cuneo finché, passata ai Savoia, sarà infeudata ai marchesi di Ceva (1373). All'inizio del Quattrocento sosterrà numerosi assedi fino a che la rocca non sarà rasa al suolo dal comune di Cuneo nel 1581. Roccavione fu nidus hereticorum quando Crociati e Inquisitori, nel XIII secolo, cacciarono catari e valdesi dalle terre della Linguadoca. Secondo alcuni studiosi, Roccavione fu addirittura una culla dell’eresia albigese: di qui sarebbe partito Marcus, primo vescovo della chiesa catara italiana. Dice Anselmo d’Alessandria: ad Rocavien, et est locus apud Cuneum, ubi stabant cathari qui venerant de Francia ad habitandum (a Roccavione, luogo presso Cuneo, in cui si stabilirono catari venuti dalla Francia). Da queste vicende deriva il soprannome dato ai roccavionesi dai paesi limitrofi, taru, ovvero catari.
Restano pochi ruderi dell'antico castello dell'XI secolo e della Cappella del Santo Sudario del 651, così come di un castello posto nei pressi del Bec d'Arnostia. Sul Bec Berciassa (962 m) sono stati ritrovati resti di un importante insediamento dell'Età del ferro (III secolo a.C.). A pochi metri dalla sommità del picco si apre il cosiddetto garb d'la Reina Jana, profonda spaccatura della roccia legata alla leggendaria figura della regina Giovanna I d'Angiò. Il paese conserva la pregevole Chiesa barocca di Santa Croce e la Parrocchiale della Visitazione della Beata Vergine, oltre a 15 ville liberty costruite a inizio Novecento per la villeggiatura di famiglie torinesi, liguri e nizzarde. Nel parco di una villa distrutta durante la guerra sorgono due esemplari di sequoia di circa cento anni, censite tra gli alberi monumentali italiani. L'esemplare più alto arriva a 50 metri di altezza, con una circonferenza di base di oltre 7 metri, mentre l’altro è leggermente più basso ma ha una circonferenza di ben 10,5 metri: furono messe a dimora dal giardiniere Giacomo Fantino che aveva lavorato nelle miniere del Nord America.
Dedita un tempo all’agricoltura, Roccavione ha vissuto una forte industrializzazione negli anni '60, con l’insediamento di una cartiera e due cementifici con relative cave (attualmente tutti in fase di ridimensionamento). Altra fonte di reddito è rappresentata dalla centrale Enel di Brignola, realizzata negli anni ’60, che forma un lago a monte della frazione.
occitan Dominaa dal bric del Sant Sudari, Rocavion se tròba a 646 m d’autessa a la confluença di rius Gès e Vermenanha, e fai part de la sia valada. Nombrosas son sias ruaas, coma Brinhòla, e lhi Teits Paraquèt, Plan, Quer, Saletz, Guigo, Jordana, Massa Sobeiran, Baptista Massa, Toniet: la popolacion es de 2870 abitants.
La premiera documentacion es del 1041, quora era chamaa Rocha Corvaria, ròca di còrbs, e citaa entre las dependenças del monasteri de Pedona. L'actual denominacion remonta al XII secle, coma Roccaguidone o Rupe Vidonis, en relacion a un personatge germanic retengut fondator de l’ensediament. Ental 1163 lo país es governat da siei senhors sotpòst al marqués de Saluces; ental 1197 passa al marqués de Montferrat que la conced en feude a Bonifaci, filh de Manfredo de Saluces. Rocavion es teatre de batalhas ental 1231 e 1275, e ental 1309 intra en lo distrèct de Coni fins que, passaa ai Savòia, serà enfeudaa ai marqués de Ceva (1373). Al principi del Quatre cents ven assediaa divèrs bòts fins que la ròca ven ren destrujua da la comuna de Coni ental 1581. Rocavion es estaa nidus hereticorum quora Crosats e Inquisitors, ental XIII secle, chaçon catars e vaudés dal Lengadòc. Per quarque istòric, Rocavion seria fins estaa una cuna de l’eresia albigesa: d’aicì seria partit Marcus, premier evesco de la glèisa catara italiana. Di Anselmo d’Alessandria: a Rocavien, et est locus apud Cuneum, ubi stabant cathari aquì venerant de Francia a habitandum (a Rocavion, pòst dapè Coni, ente se son establitis de catars venguts da la França). Veneria d’aicì lo sobriquet donat ai rocavionés dai país dapè, taro, catar.
Resta pas gran còsa de l'antic chastèl de l’XI secle e de la Chapèla del Sant Sudari del 651, coma d’un chastèl plaçat dapè al Bec d'Arnòstia. Sal Bec Berchassa (962 m) son estats trobats lhi rests d’un important ensediament de l'Etat del fer (III secle a.C.). A quarque metre da la poncha del pic se duerb lo garb d'la Reina Jana, fonsa esclapadura de la ròcha liaa a la legendaria figura de la reina Joana I d'Anjau. Lo país garda la bèla glèisa baròca de Santa Crotz e la Parroquiala de la Visitacion de la Beata Vierge, e 15 vilins liberty realizats al principi del Nòu cents per la viletjatura de famihas turinesas, liguras e niçardas. Ental parc d’una vila destrujua al temp de la guerra lhi a doas sequòias de cent ans, censias entre lhi arbols monumentals italians. L'exemplar mai aut trucha lhi 50 metres d’autessa, emè una circomferença de 7 metres, e l’autre es un pauc pus pichòt mas a una circomferença de ben 10,5 metres: son estats plantats dal jardinier Giacomo Fantino qu’avia trabalhat en la minièras del Nòrd America.
Da la vocacion agricola, Rocavion a vivut una fòrta industrializacion en lhi ans '60, emè l’ensediament d’una cartiera e dui cementificis emè relativas cavas (encuei tuchi en crisi). Autra font econòmica es rapresentaa da la centrala Enel de Brinhòla, realizaa en lhi ans ’60, que forma un lac amont de la fracion.