Enti in rete L.482/99   

Giorgio Giorda e la famiglia dei Lindal - Rubiana

Giorgio Giorda e la famia di Lindal

Testo e Video a cura di Paola Vai

Giorgio Giorda e la famiglia dei Lindal - Rubiana
italiano Mi chiamo Giorgio Giorda, sono in pensione, mi sono “ritirato” e non ho più altri fastidi all’infuori del coltivare l’orto e dell’interessarmi di cose che non interessano nessuno, come la parlata di Rubiana e altre cose del genere che al giorno d’oggi non interessano altri.
In passato sono stato anche assessore in comune, ho conosciuto tante persone, adesso mi sono “ritirato” completamente, però il comune mi ha dato ancora la possibilità di venire e di parlare con questa graziosa ragazza [l’intervistatrice] che mi fa le domande.
Allora, la storia della nostra famiglia potrebbe essere un esempio da raccontare. La mia famiglia è la famiglia Giorda e viene, siamo andati a cercare in parrocchia [negli archivi parrocchiali], viene dalla Costa, proprio gli antenati. Poi una volta, quando c’erano tanti figli, quando la famiglia era numerosa, il primogenito restava in casa, e gli altri, le figlie si sposavano e andavano a casa degli sposi, e gli altri andavano a lavorare da altre parti. È per questo che nelle borgate si è sempre conservato il nome della famiglia, si è sempre mantenuto proprio perché non arrivavano altri uomini a portare il cognome. Restava sempre il nome di quello che era arrivato prima.
Allora la nostra famiglia, questi Giorda, sono poi scesi giù dalla Costa alla borgata Bella Comba e si sono costruiti una casa come si faceva una volta: c’erano solo pietre murate a secco [con il fango] e poi dopo, sopra c’era il fienile [soletta di assi di legno] e sopra mettevano il fieno, mettevano le fascine, le fascine, mettevano il fieno, da una parte mettevano il fieno e dall’altra le fascine e poi erano coperti di lose, all’epoca erano coperte a lose, ma una volta si coprivano ancora con la paglia.
E sotto, dove c’era la porta d’entrata, c’era un architrave, l’architrave è una traversa di legno sopra la porta, che permettere di murare sopra l’architrave, di continuare la muratura a secco. E allora, siccome la famiglia Giorda era una famiglia con diversi figli molto alti, che battevano sempre la testa nel lindal, li hanno chiamati, da allora li hanno chiamati la famiglia dei Lindal. E ogni famiglia aveva il suo soprannome, come questo ce n’erano anche altri e... basta così.
franco-provenzale I m’ chamou Giorgio Jourda, i seui an pensioun, seui ritirà, e i éi pa pi d’aouti fastudi que ëd coultivà l’ort e interesame ëd choze que a interésoun panhun coumë lou parlà a moda ëd Rubiana e d’aoute choze que aou di d’inqueui a interésou pa pi a d’aouti.
A so téin i seui sta anque asesour ntou munichipio, i éi counhésù tante persoune, urà i seui ritirà coumpletamént però lou munichipio m’a ancoura dounà la pousibilità d’amnì e dë parlà coun ha fieutta grahiouza qu’i é hi qu’i m’ fàit ël doumande.
Aloura, la storia ëd nosta famia pourì essë ‘n ezémpi da countà. Mia famia é la famia Jourda e a vénu, san andà harcà an parocquia, a vénou dala Costa, propi li antenati. Peui ën vir ntla famia, can a i ére tanti fìi, tanti ëd famia, a i ére lou prim dla famia ou stavë ntla quë, e i aouti, ël fië’ a s’ mariavou e andavou a meizoun dël spous, e i aouti andavou travaià da d’aoute part. A i é paréi d’iquì cante anti bourjai a i é sämpa restà lou nom ntla famia, ou i sämpa männù propi perquë’ a mni pa d’aouti om a pourtà lou counhom. Restave sämpa ou nom ëd ha qu’ou nhit prima ëd quiél. Aloura nosta famia, sti Jourda, a soun peui calà ju dala Costa aou bourjai Béla Coumba e a soun fait ina quë faita coume la faioun in vir: e i ére mëc ëd pérë murà a pachoc e peui dopou, jure a i ére lou piatum e jure a butavou lou fen, a butavou ëd rubioun, ëd rubioun a butavou lou fen, da ina part a butavou lou fen dal’aouta ëd rubioun e peui i érou couatà a lozë, anloura i érou ja couatà a lozë ma in vir ai couatàvou ancoura a paî.
E souta, andoua qu’a i ére la porta d’intrada, a i ére ën lindal, ou lindal a i é ina travérsa ëd bosc jure dla porta, për peui murà jure dou lindal për countinouà la muratura a pachoc. E aloura sicoume que a i ére ina famia qu’a i ére divérsi fìi grèn, a batioùn sämpa la testa ntou lindal e aloura a i an chamà, d’anloura a i an chamà la famia di Lindal. E onhi famia i éioun so stranom e coume ahiquì n’i ére co d’aouti e basta paréi.