Enti in rete L.482/99   

Giorgio Giorda parla del suo libro “Parlà a nosta moda” – il dialetto di Rubiana

Giorgio Giorda ou parlë dë so liba “Parlà a nosta moda” – il dialetto di Rubiana

Testo e Video a cura di Paola Vai

Giorgio Giorda parla del suo libro “Parlà a nosta moda” – il dialetto di Rubiana
italiano

Il lavoro sul dialetto è stato fatto perché, contrariamente a quello che si pensava, è durato pochi anni, in pochi anni non c’è più stato nessuno che lo parlava, perché le maestre hanno sempre obbligato tutti a parlare l’italiano, noi per adeguarci abbiamo sempre parlato in italiano e così i nostri figli non lo conoscono più. Allora abbiamo pensato con gli alpini, siamo stati d’accordo anche con gli alpini, di raccogliere un po’ di parole vecchie, un po’ di modi di parlare e per fare questo ci siamo trovati diverse volte e abbiamo provato a buttare giù il significato, sarebbe una specie di vocabolario un po’ alla buona. L’abbiamo fatto non troppo bene, si potrebbe migliorare, ma in ogni caso è meglio che niente.

Allora abbiamo messo, prima di tutto abbiamo messo un po’ di storia del nostro paese, storia del nostro paese che ha ancora un vocabolario di tipo francoprovenzale, come tutti gli altri paesi qui della Valle di Susa, a venire giù dalla Dora, dalla parte sinistra della Dora ci sono diversi paesi, Bussoleno, Chianocco fino a qui. Ad esempio il nostro... perché noi non parliamo mai di “dialetto”, diciamo sempre... né di “patois”, questo lo dice chi ha studiato. Ma noi diciamo “parlare a nostro modo”, e anche quando dicono “sei un rubianese”, noi non siamo rubianesi, noi siamo “gente di Rubiana”, che è un modo di dire che abbiamo sempre usato.

Allora la nostra storia è stata così fino, fino a dopo la guerra e poi, dopo la guerra sono arrivati tanti da Torino che ci hanno insegnato il piemontese e poi dopo le maestre hanno fatto, hanno completato e siamo passati all’italiano.

Sul nostro, nostro libro, lo chiamiamo libro ma non è un libro, è un libretto, abbiamo messo qualche nota che spiega un po’ la differenza tra il piemontese e il nostro modo di parlare. La prima novità è che la nostra parlata ha conservato la H [la h aspirata in sostituzione in taluni casi della s o della f], per esempio ci sono tantissime parole che hanno la H e che le altre parlate hanno perso. Ad esempio mahà vuole dire ammazzato, hindre sono le ceneri e ci sono diverse altre parole con la H.

Poi c’è un’altra parola, un altro modo di dire che non si riscontra in altri posti e sarebbe la A rappresentata con due puntini [Ä] che sarebbe... ad esempio sämpa, vuol dire sempre, oppure hämpa, hämpa è un attrezzo che serve per togliere le patate e che assomiglia a una zappa ma ha una punta con un profilo un po’ bombato.

E poi altre parole, ne leggo qualcuna per comodità, ad esempio la E, la È, ad esempio pèla, una padella,un gatto maschio è un vèrou, uno scoiattolo sarebbe una bèra.

Invece la E chiusa sarebbe lén che vuol dire, andà lén, andare presto, vérou è il vetro, le scarpe sono i chaouhé.

Poi ci sono tante parole che si possono scrivere anche come in francese, per esempio il reul, la luna quando ha l’alone, l’alone nella luna si chiama reul, a allora ‘la luna ha l’alone, o il vento o la pioggia”, che vuol dire che va sempre bene.

franco-provenzale

Il lavoro di dialiët a i é sta pärquë', countrariamént a han qu’a s’ pensavë a i è durà poqui an, an poqui an a i è sta pi nhun qu’a lou parlou, pärquë' ël maéstre i an sämpa oubligà tuti a parlé italien, nouzaouti për andài aprè i sän sämpa andà a parlà an italien e paréi i nosti fî a lou counhésou pa pi. Aloura i aoun pensà e än pensà coun li alpini, sän sta anque in po dacordi coun li alpini ëd cuì in poc ëd parolë véië, in po ëd modi ëd parlà e aloura për fe han iquì sän trouvà divérsi vir e än prouvà a buté ju lou significato, sarì ina spéche d’in vocaboulari in poc ala bouna. L’än fait in poc malamént, sarì incoura da far méi, ma d’onhi modo é méi que niénte.

Aloura i än butà, prima ëd tout i än butà la storia in po ëd nostou pais, storia ëd nostou pais qu’ou i ä in voucaboulari ancoura tipo francoprovenzale, coume tuti i aouti pais hi dla Val Suza a mni ju dla Douiri, la part a sinistra dla Douiri a i é diversi pais, Busoulin, Chanouc fin-a hi. Për ezémpi nouzaouti nostou... pärquë' nouzaouti parlén mai ëd dialetto, parlén sämpa... né patouà, a lou dit hi que i an studià. Ma nouzaouti dizän “parlà a nosta moda” e anque cänt i dizan “t’së in rubianin”, nouzaouti sän pa ëd rubianin, i sän jän ëd Rubiana que é ina manéra ëd dire que än sämpa douvrà.

Aloura la nosta storia i é sta paréi fin-a, fin-a a dopou la gouéra e peui, dopou la gouéra a soun amnù tanti da Turin a n’an moustà piemountés e peui dopou ël maéstre i an fait, a i an coumpletà e sän pasà a l’italién.

Hi su, su nostou, nostou liba, lou chamian liba ma i é pa in liba, i é in librét, i än butà quéic chozë qu’a spiégou in po la diferénsa tra ou piemountés e nosta moda ëd parlà. La prima nouvità a i é quë nosta moda i a ancoura la H, për ezémpi a i é tantissime parole qu’a i an la H quë i aoute mode ëd parlà a i an perdù. Për ezémpi mahà a veu dire ammazzato, hindre sono le ceneri e d’aoute parole co coun la H a n’i é divérse.

Peui a i é in’aouta parola, in’aouta moda ëd dire la parola quë a i an pa d’aouti post e sarì la A que i an raprezentà coun la A coun dui pountin, qu’a sarì... për ezémpi sämpa, a vo dire sempre, opura hämpa, hämpa a i é in attrezzo qu’ou sérvë për gavà ël patate qu’ou i zmie a ina sapa ma ou i ä ina pounta, ou i é faita, ou i ä in proufil poc a boumbé.

E peui i aoute parole, ourä’ i na lévou queicunë' tan për coumoudità, për ezémpi la E, la È, për ezémpi pèla, una padella a sarì ina pèla, in chat masch a i é in vèrou, uno scoiattolo sarì na bèra.

Anvéche la E chiusa a sarì lén a veu dire, andà lén, andare presto, vérou è il vetro, lë scarpë i chaouhé.

Peui a i é tante parolë qu’a s’ peulou scriva anque coume an franhés, për ezémpi lou reul, la luna cänt ou i ä ou reul, l’alone nella luna a s’ chamë ou reul, a aloura ‘la luna i ä ou reul, o lou vän o lou breul’, veu dire o il vento o l’acqua che vuol dire che va sempre bene.