Enti in rete L.482/99   

San Damiano Macra

Sant Damian

San Damiano Macra
italiano San Damiano Macra è un comune di 460 abitanti che sorge nella bassa Valle Maira a 740 metri di altitudine. Conta 33 borgate e frazioni, tra cui Balmetta, Caricatori, Celletta, Comba, Combamala, Grangiassa, Lottano, Mostiola, Podio, Reboissino, Lottulo, Pagliero, Paglieres. Il toponimo ricorda il santo cui è intitolata la parrocchiale, legato come da tradizione a Cosma. Le prime testimonianze risalgono al 1028, quando esistevano quattro comuni autonomi, Pagliero, Lottulo, Paglieres e San Damiano. San Damiano fu parte dei possedimenti dei Marchesi di Saluzzo; passarono in seguito ai Savoia, con la perdita delle concessioni degli statuti comunali, che garantivano notevole libertà amministrativa. La fusione amministrativa tra San Damiano e Pagliero del 1716 fu conseguenza dello spopolamento verificatosi in seguito al diffondersi della peste. Per quanto riguarda le attività produttive, oltre a quelle tradizionali, si praticava la coltivazione dei bachi da seta, grazie alla presenza di gelsi sul territorio; fino a qualche anno fa era attivo uno stabilimento per l’imbottigliamento di acqua minerale.
San Damiano vanta legami famigliari con due importanti personaggi politici della prima metà del Novecento. Il nonno di Giovanni Giolitti era notaio in paese e lo stesso Giovanni trascorse qui alcuni anni dell’infanzia. Originaria di San Damiano era anche la famiglia di Luigi Einaudi, primo presidente della Repubblica Italiana. Sulla piazza principale del capoluogo sorge il pelerin, una loggia mercatale costruita nel 1830 per ospitare le numerose fiere che si tenevano nel paese, tra cui la fiera del 4 novembre Fiero dal Quatre, che si svolge tuttora l’ultimo fine settimana di ottobre.
Il capoluogo di San Damiano conserva tracce architettoniche del suo passato illustre, residenza di famiglie nobili che si contesero a lungo il feudo: bifore, facciate a vela e capitelli scolpiti. Da notare inoltre la fontana del còrn, fontana in pietra datata 1507 decorata da figure mostruose, gigli di Francia e lo stemma comunale. La Parrocchiale dei Santi Cosma e Damiano è stata rimaneggiata nel corso dei secoli: il portale in pietra con ghimberga, opera dei fratelli Zabreri così come il fonte battesimale conservato all’interno, fa parte della costruzione originale risalente al Quattrocento. La facciata è stata successivamente affrescata a inizio Novecento da Giovanni “Netu” Borgna, pittore di Martiniana Po.

occitan Sant Damian es una comuna de 460 abitants que se tròba en bassa Val Maira a 740 metres d’autessa. Fai 33 ruaas e fracions, coma Balmeta, Charjaors, Celeta, Comba, Combamala, Granjassa, Lotan, Mostiòla, Puei, Reboissin, Lòtol, Palhier, Palhieras. Lo topònim recòrda lo sant titolar de la parroquiala, coma da tradiccion coblat a Còsma. Las premièras testimonianças remonton al 1028, quora lhi avia quatre comunas autònomas, Palhier, Lòtol, Palhieras e Sant Damian. Sant Damian era territòri di Marqués de Saluces; e puei di Savòia, perdent la concession de lhi estatuts comunals, que garantion granda libertat administrativa. La fusion administrativa entre Sant Damian e Palhier del 1716 es necessaria après la pest, vist que la popolacion cala en manièra sensibla. Las activitats productivas, dapè a n’aquelas tradiccionalas, eron la coltivacion di coquets, vista la presença de gels sal territòri; fins al 2000 era actiu decò un estabiliment per embotelhar l’aiga minerala.
Sant Damian es liat a dui importants personatges politics de la premièra metat del Nòu Cents. Lo parsier de Giovanni Giolitti era nodari en paìs e decò Giovanni era vivut aicì da pichòt. Originaria de Sant Damian era decò la familha de Luigi Einaudi, premier president de la Republica Italiana. S’la plaça principala del cap luòc se tròba lo pelerin, una lòtja mercatala realizaa ental 1830 per aculhir las nombrosas fieras que se fasion ental paìs, coma la fiera del 4 de novembre Fiero dal Quatre, que se fai enca’ lo darrier fin de setmana d’octobre.
Lo cap luòc de Sant Damian garda traças arquitectònicas prestigiosas, vist qu’era residença de familhas nòblas que n’en tenion lo feude: biforas, façadas a vela e chapitèls esculturats. Particulara es la fontana del còrn, fontana en peira del 1507 decoraa da figuras mostruosas, liris de França e lo simbol comunal. La Parroquiala di Sants Còsma e Damian es estaa retruchaa en lhi secles: lo portal en peira abo guimberga, òbra di fraires Zabreri coma lo font baptesimal que lhi a dedins, fai part de la construccion originala del Quatre Cents. La façada après es estaa pintaa al principi del Nòu Cents da Giovanni “Netu” Borgna, pintre de Martiniana Pò.