Enti in rete L.482/99   

Sanfront

Sant Front

Sanfront
italiano Sanfront, posto a 495 m di altitudine in val Po, conta circa 2.600 abitanti ed è formato da tre popolose frazioni, Robella, Rocchetta e Serro, e da diverse borgate: Comba Bedale, Comba Gambasca, Comba Albetta, Mombracco, Bollano. Sanfront viene citato per la prima volta nel 1075 come ad Sanctum Frontinianum e in seguito, in documenti del Duecento, come Terra Sancti Frontis e San.... Fronte.
Nei secoli, il paese fu soggetto ai signori di Revello e successivamente ai marchesi di Saluzzo; Sanfront, sotto la marchesa Margherita di Foix, vide giustiziare alcuni valdesi ritenuti eretici. Il comune passò nel 1601 nelle mani dei Savoia.
Nel centro del paese sorgono il palazzo comunale, l’ala del mercato e la confraternita del Gonfalone. L’ala del mercato, che ospita a fine estate ed inizio autunno un fiorente mercato dei funghi, venne eretta nell’Ottocento, mentre la chiesa della confraternita, che conserva un bel campanile barocco, venne costruita nei primi anni del 1700, sebbene l’attività delle Compagnie del Suffragio fosse iniziata molto tempo prima. In paese si possono inoltre ammirare i caratteristici portici medievali dalle volte basse e la parrocchiale di San Martino: la chiesa, costruita alla fine del ‘400, benché rimaneggiata nell’800, conserva un’abside pentagonale, che serba all’esterno un affresco del XV secolo in cui è dipinta la Vergine col Bambino in trono; all’interno vi sono affreschi del Novecento di Giovanni Borgna. Opere del medesimo autore si possono ritrovare anche nella chiesa della Madonna della Neve in frazione Robella e nella parrocchiale di frazione Rocchetta. Un tempo nel paese sorgeva anche un castello medievale, distrutto nel XVII secolo.
L’insediamento di Balma Boves è oggi una grande attrattiva turistica: la balma o barma è un riparo naturale sotto una roccia sporgente dal profilo verticale della montagna, che spesso veniva chiuso con muretti a secco. Nella borgata, abitata fino agli anni Cinquanta, vi erano forno, lavatoio, pollai, stalle, essiccatoi, ricovero per il bestiame. Recentemente è divenuto Borgata Museo.

occitan Sant Front, plaçat a 495 m d’autessa en val Pò, fai 2.600 abitants e es format da tres popolaas fracions, Robela, Roqueta e Serra, e da nombrosas ruaas: Comba Bedal, Comba Gambasca, Comba Albeta, Mont Brac, Bolan. Sant Front es citat per lo premièr bòt ental 1075 coma a Sanctum Frontinianum e aprés, en documents del Dui Cents, coma Terra Sancti Frontis e Sant.... Fronte.
En lhi secles, lo paìs es estat sot lhi senhors de Revel e après sot lhi marqués de Saluces; sot la marquesa Margherita de Foix de valdés retenguts eretics venon maçats. La comuna passa ental 1601 sot lhi Savòia.
Ental centre del paìs se tròbon lo palais comunal, l’ala del merchat e la confraternita del Gonfalon. L’ala del merchat, ente a la fin de l’istat e al principi d’l’automn lhi a un renomat merchat di bolets, ven realizaa en l’Uech Cents, e la gleisa d’la confraternita, que garda un bel cloquier baròc, ven construia al principi del 1700, bela si l’activitat des Companhias del Sufratge era començaa ben drant. En paìs se pòlon admirar lhi caracteristics pòrtics medievals e la parroquiala de Sant Martin: la gleisa, construia a la fin del ‘400, bela si retruchaa en l’800, garda una absida pentagonala, e de fòra un fresc del XV secle embè la Vierge e lo Bambin en tròn; dedins lhi a de frescs del Nòu Cents de Giovanni Borgna. Òbras del mesme autor se tròbon decò en la gleisa d’la Madòna d’la Nèu a Robela e en la parroquiala de Roqueta. Un bòt ental paìs lhi avia decò un chastèl medieval, destruch ental XVII secle.
L’ensediament de Balma Bueves es encuei una granda atracion toristica: la balma o barma es un arpar natural sot una ròcha que sòrt da la montanha, e que sovent venia sarrat emè muralhets a sec. En la ruaa, abitaa fins a lhi ans Cinquanta, lhi avia forn, gorc, polalhier, estables, sechaors, jatz. Darrierament es devengut Ruaa Musèu.