italiano

La prima chiesa venne fondata nel 1619 dalla Società dei Disciplinati della SS.ma Croce, sodalizio attivo fino all'inizio del '900, annoverante molti iscritti che alle funzioni religiose indossavano l'abito proprio di colore bianco. L'8 luglio 1654 - a causa di una terribile inondazione del torrente Ribordone che provocò devastazione e rovina e la morte di ben 22 persone - la chiesa venne distrutta, assieme alla cappella della Madonna delle Grazie al Ponte, ma fu ricostruita tra il 1660 e il 1670. Tra il 1750 e il 1760 l'edificio fu ampliato ed abbellito, con l'aggiunta della balconata d'orchestra ed il pronao. Dopo il 1969 la chiesa venne abbandonata e dopo vent'anni, grazie ad alcuni volontari, sono iniziati vari interventi di restauro nel 1985. L'unica navata presenta la volta con affreschi del 1897 del pittore Serra d'Ivrea; l'altare è in laterizio e sulla parete di fondo è fissata la settecentesca pala con colonne lignee e fregi raffigurante la Deposizione dalla Croce e San Giovanni Battista. Sopra al portone d'ingresso c’è l'affresco della Pietà del pittore Silvestro da Montanaro, eseguito nel 1902.