Enti in rete L.482/99   

Testimonianze e interviste

Ecologia linguistica: Cosa vuol dire “lingue morte, estinte, in via di estinzione o in pericolo”?. Sinonimi o situazioni diverse?

Ecologia ëd la lenga:  Coza qu’è veut di “lenguë mortë, enstintë, ën via d’estinsioun o ën pericou” ?. Sinonimi o situasioun diversë?

di Tersa Geninatti Chiolero

italiano

Abbiamo visto finora il numero sconcertante di lingue estinte o morte, e di quelle in pericolo. Abbiamo anche constatato la perdita di diversità culturale - oltre che di biodiversità - dovuta alla progressiva scomparsa di centinaia di lingue o alla graduale perdita della loro funzione comunicativa. Insieme abbiamo scoperto l’esistenza del “Libro rosso delle lingue in pericolo”: la pubblicazione dell'UNESCO contenente la lista delle lingue del mondo a maggior rischio d'estinzione, poi sostituito dall' “Atlante delle lingue del mondo in pericolo”. Abbiamo quindi capito che ogni anno scompaiono 25 idiomi ed almeno 2500 sono a rischio estinzione nei prossimi tempi. E infine, abbiamo riportato questi dati alla situazione italiana, comprendendo che le lingue a rischio, nel nostro paese sono ben 31 e di queste 12 sono lingue alloglotte, cioè le lingue che lo Stato italiano considera lingue di minoranza storica, le nostre lingue. Infine abbiamo conosciuto i “super eroi” delle lingue: i linguisti.

Abbiamo liberamente usato parole come lingue morte o estinte. Ma cosa significa dire “lingue morte”, “lingue estinte”, “lingue in via di estinzione” o ancora “lingue in pericolo”? Che differenza c’è tra le diverse dizioni? Sono tra loro sinonimi o indicano situazioni linguistiche diverse?

Prima di rispondere è necessaria una precisazione. Le lingue non sono organismi biologici, ciò significa che il concetto di morte è solo figurato. Inoltre bisogna ricordare che tutti i fattori che determinano il fiorire o la decadenza di una lingua si riferiscono alla comunità che di quella lingua si serve, e non alla lingua stessa.

Quindi, tornando alla nostra domanda, la prima cosa da chiarire è che non si tratta assolutamente di sinonimi, ma sono dizioni che indicano concetti e situazioni diverse.

Una lingua si definisce morta quando, non è più soggetta ad alcuna evoluzione linguistica, non viene più parlata da nessuna comunità, non viene più usata da nessun parlante (per esempio il gotico) o, pur essendo utilizzate, ciò avviene perché chi le adopera se n’è appropriato con lo studio (per esempio il greco antico), ma non vengono parlate in una comunità linguistica organica, cioè non sono trasmesse di padre in figlio. Alcune lingue morte più “fortunate” si sono evolute in un nuovo e autonomo gruppo linguistico, in cui si è completato il totale processo di separazione linguistica. Il caso più noto è il latino che ha costituito la base del latino volgare che a sua volta si è evoluto nelle moderne lingue romanze.

Invece, l’estinzione linguistica è il processo di diminuzione della competenza linguistica che avviene in una comunità di locutori di una data lingua. L'estinzione linguistica completa avviene quando non rimangono locutori nativi di un dato idioma nella popolazione dove questo era precedentemente usato. Quindi, una lingua si definisce “estinta” quando non ha più parlanti nativi e viene direttamente sostituita da una lingua diversa. Una lingua viene spesso dichiarata estinta anche prima del decesso dell'ultimo locutore nativo: se rimangono solo pochi locutori anziani, che non usano più la lingua nella comunicazione quotidiana nell’ambito della loro comunità, allora la si definisce “lingua estinta”. Semplificando al massimo una lingua è estinta quando cessa di essere trasmessa come lingua madre.

Si dice, infine “lingua in pericolo” o “lingua minacciata di estinzione”, nel caso in cui sopravvivano così pochi locutori che essa corre il rischio di non essere più utilizzata nel giro di una generazione. È considerata tale una lingua anche se ha un buon numero di locutori, ma questi sono tutti anziani e pochi o nessun bambino la impara.

Ora vi faccio una domanda: ho detto che una “lingua estinta” viene considerata tale anche quando non viene più trasmessa come lingua madre, mentre una “lingua in pericolo” è tale quando ci sono pochi locutori o un buon numero di locutori, ma questi sono tutti anziani e pochi o nessun bambino la impara. Questa è la teoria proposta dall’ecologia linguistica. Ma io vi chiedo, pensando soprattutto alla situazione del francoprovenzale, a quale di queste due categorie appartiene?

franco-provenzale

G’èn viù fin’oura lou numr empresiounant ëd lenguë estintë o mortë, é seullë ën pericoul.

G’èn ëd co counstatà la perdita ëd diversità coultural - quë ëd biodiversità- douvuva a la prougresiva scoumparsa ëd chentinaia ëd lenguë o la gradoual perdita ëd lë souë funsioun coumunicativë.

Eunsembiou g’èn dëscruvì l’ezistensi doou “Libër rous ëd lë lenguë ën pericoul”: la publicasioun ëd l’UNESCO a to la lista ëd lë lenguë doou moundou più a risquio d’estinsioun, poi soustituiì da l’ “Atlantë ëd lë lenguë doou moundou ën pericoul”. G’èn couindi capì quë onhi an ou sparesount 25 idiomi é almeno 2500 ou sount a risquio d’estindioun ën pocou ten. È a la fin g’èn rapourtà ‘sti dati a la sitouasioun itëliana, realizant quë ënt ‘oou nostrou pais ou sount bin 31 è, ëd sittë, 12 ou sount lenguë alloglottë, choé lenguë quë lë Stat itëliën ou counsidërët lenguë ëd minourënsi storica, ël nostrë lenguë.

A la fin g’èn counhësù li “souper-eroi ëd lë lenguë”: li lingouisti.

G’èn liberamënt druvà parolë coumë lenguë mortë o estintë. Ma coza è veut dì “lenguë mortë”, “lenguë estintë”, “lenguë ën via d’estinsioun” o euncoù “lenguë ën pericoul”? Quë diferensi è i eu tra ël diversë parolë? Ou sount sinonimi o ou sinhificount sitouasioun lingouistiquë diversë?

Pruma ëd rëspoundri è i ëst nechesari ‘na prechizasioun. Ël lenguë ou sount nhint ourganizm biologic, seun ou veut dì quë lou sinhificà ëd mort ou i ëst meuc figurà. Ën più, è ventët ërcourdà quë tuiti li fatour cou determinount lou “fiourì” o la decadensi ëd ‘na lenga ou s’ riferesount a la coumunità quë zla lenga è drouet é nhin a la lengua medezima.

Couindi tounrneunt a la nostra doumënda, la pruma choza da quiërì è i ëst cou sount nhint ëd sinonimi, ma ou sinhificount chozë é sitouasioun diversë.

Na lenga è i ëst morta cant qu’è i ëst pi nhint sougeta a nhuna evoulusioun lingouistica, è vint pi nhint dëscouruva da nhuna coumunità, è vint pi nhint druvaia da nhun përlant (për ezempi lou gotic), o, anquë së utilizaië, seun è capitët përqué qui ou la drouvount l’ont ëmparaia studieunla(për ezempi lou grec ëntic), ma ou vinhount nhint dëscouruë ënt ‘na coumunità lingouistica ourganica, choé ou vinhount nhint trëzmëtuë da pari a fìi.

Quërquë lingouë mortë più “fourtunaië” ou sont evoulvuë ënt ën neu é indipendent grouppo lingouistic, ëndoua è s’eu coumpletà lou toutal prouches ëd separasioun lingouistica. Lou cazou più famous ou i ëst lou latin quë ou t’istà a la baze doou latin voulgar quë ou s’eu evoulù ënt ël lenguë roumanzë mouderne.

Enveche, l’estinsioun lingouistica è i ëst lou prouches ëd diminusion ëd la coumpetensi lingouistica qu’è capitët ënt una coumunità ëd përlant ëd ‘na cherta lenga. L’estinsioun lingouistica coumpleta è capitët cant ou restount piu nhuni përlant natìou ëd ‘na cherta lenga ënt una poupoulasioun ëndoua pruma è i erët dëscourua. Couindi, ‘na lenga è s’ dit “estinta” cant è i eu più nhun përlant natìou é è vint diretameunt soustituia da ‘na lenga diversa. ‘Na lenga è vint souveunt diquiaraia estinta ëd co pruma ëd la mort ëd l’ultim përlant natìou: s’ou restount meuc più poqui përlant vieui, cou drouvount pi nhint la lenga ën la coumunicasioun ëd tui’ li dì ënt la soua coumunità, aleura è s’ dit “lenga estinta”. Semplificant aou masim ‘na lenga è i ëst estinta cant è chesët d’estri trëzmetua coume lenga madre.

È s’ dit, a la fin, lenga ën pericoul” o “lenga minachìa d’estinsioun”, ënt ‘oou cazou quë è i eu ëncoù poqui cou la dëscoueurount é è i eu lou pericoul ëd nhint estri più utilizaia ënt ‘oou gir d’una generasioun. È vint counsideraia parei ‘na lenga anquë se è i eu ën boun numër ëd përlant, ma ou sount ën bouna part tuiti ënsieun é poqui o cazi nhun magnà ou l’eumparount.

Oura vou faou ‘na doumeunda: j’ai dit quë ‘na “lenga estinta” è i ëst counsideraia parei cant è vint pi’ nhint trëzmëtua coume lenga madre, mentre ‘na “lenga ën pericoul” è i ëst parei cant è i eu poqui përlant o anquë ën boun numër, ma sitti ou sount tuiti ënsieun é poqui o nhun magnà ou l’eumparount. Sitta è i ëst la teourìa proupounua da l’ecologia lingouistica, Ma vou chamou, pënsant, për ezempi, a la sitouasiun doou francoprouvensal, a qualë dë stë doue categourìi è fait part?


Ecologia linguistica: Cosa vuol dire “lingue morte, estinte, in via di estinzione o in pericolo”?. Sinonimi o situazioni diverse?

Ecologia ëd la lenga:  Coza qu’è veut di “lenguë mortë, enstintë, ën via d’estinsioun o ën pericou” ?. Sinonimi o situasioun diversë?

di Tersa Geninatti Chiolero

italiano

Abbiamo visto finora il numero sconcertante di lingue estinte o morte, e di quelle in pericolo. Abbiamo anche constatato la perdita di diversità culturale - oltre che di biodiversità - dovuta alla progressiva scomparsa di centinaia di lingue o alla graduale perdita della loro funzione comunicativa. Insieme abbiamo scoperto l’esistenza del “Libro rosso delle lingue in pericolo”: la pubblicazione dell'UNESCO contenente la lista delle lingue del mondo a maggior rischio d'estinzione, poi sostituito dall' “Atlante delle lingue del mondo in pericolo”. Abbiamo quindi capito che ogni anno scompaiono 25 idiomi ed almeno 2500 sono a rischio estinzione nei prossimi tempi. E infine, abbiamo riportato questi dati alla situazione italiana, comprendendo che le lingue a rischio, nel nostro paese sono ben 31 e di queste 12 sono lingue alloglotte, cioè le lingue che lo Stato italiano considera lingue di minoranza storica, le nostre lingue. Infine abbiamo conosciuto i “super eroi” delle lingue: i linguisti.

Abbiamo liberamente usato parole come lingue morte o estinte. Ma cosa significa dire “lingue morte”, “lingue estinte”, “lingue in via di estinzione” o ancora “lingue in pericolo”? Che differenza c’è tra le diverse dizioni? Sono tra loro sinonimi o indicano situazioni linguistiche diverse?

Prima di rispondere è necessaria una precisazione. Le lingue non sono organismi biologici, ciò significa che il concetto di morte è solo figurato. Inoltre bisogna ricordare che tutti i fattori che determinano il fiorire o la decadenza di una lingua si riferiscono alla comunità che di quella lingua si serve, e non alla lingua stessa.

Quindi, tornando alla nostra domanda, la prima cosa da chiarire è che non si tratta assolutamente di sinonimi, ma sono dizioni che indicano concetti e situazioni diverse.

Una lingua si definisce morta quando, non è più soggetta ad alcuna evoluzione linguistica, non viene più parlata da nessuna comunità, non viene più usata da nessun parlante (per esempio il gotico) o, pur essendo utilizzate, ciò avviene perché chi le adopera se n’è appropriato con lo studio (per esempio il greco antico), ma non vengono parlate in una comunità linguistica organica, cioè non sono trasmesse di padre in figlio. Alcune lingue morte più “fortunate” si sono evolute in un nuovo e autonomo gruppo linguistico, in cui si è completato il totale processo di separazione linguistica. Il caso più noto è il latino che ha costituito la base del latino volgare che a sua volta si è evoluto nelle moderne lingue romanze.

Invece, l’estinzione linguistica è il processo di diminuzione della competenza linguistica che avviene in una comunità di locutori di una data lingua. L'estinzione linguistica completa avviene quando non rimangono locutori nativi di un dato idioma nella popolazione dove questo era precedentemente usato. Quindi, una lingua si definisce “estinta” quando non ha più parlanti nativi e viene direttamente sostituita da una lingua diversa. Una lingua viene spesso dichiarata estinta anche prima del decesso dell'ultimo locutore nativo: se rimangono solo pochi locutori anziani, che non usano più la lingua nella comunicazione quotidiana nell’ambito della loro comunità, allora la si definisce “lingua estinta”. Semplificando al massimo una lingua è estinta quando cessa di essere trasmessa come lingua madre.

Si dice, infine “lingua in pericolo” o “lingua minacciata di estinzione”, nel caso in cui sopravvivano così pochi locutori che essa corre il rischio di non essere più utilizzata nel giro di una generazione. È considerata tale una lingua anche se ha un buon numero di locutori, ma questi sono tutti anziani e pochi o nessun bambino la impara.

Ora vi faccio una domanda: ho detto che una “lingua estinta” viene considerata tale anche quando non viene più trasmessa come lingua madre, mentre una “lingua in pericolo” è tale quando ci sono pochi locutori o un buon numero di locutori, ma questi sono tutti anziani e pochi o nessun bambino la impara. Questa è la teoria proposta dall’ecologia linguistica. Ma io vi chiedo, pensando soprattutto alla situazione del francoprovenzale, a quale di queste due categorie appartiene?

franco-provenzale

G’èn viù fin’oura lou numr empresiounant ëd lenguë estintë o mortë, é seullë ën pericoul.

G’èn ëd co counstatà la perdita ëd diversità coultural - quë ëd biodiversità- douvuva a la prougresiva scoumparsa ëd chentinaia ëd lenguë o la gradoual perdita ëd lë souë funsioun coumunicativë.

Eunsembiou g’èn dëscruvì l’ezistensi doou “Libër rous ëd lë lenguë ën pericoul”: la publicasioun ëd l’UNESCO a to la lista ëd lë lenguë doou moundou più a risquio d’estinsioun, poi soustituiì da l’ “Atlantë ëd lë lenguë doou moundou ën pericoul”. G’èn couindi capì quë onhi an ou sparesount 25 idiomi é almeno 2500 ou sount a risquio d’estindioun ën pocou ten. È a la fin g’èn rapourtà ‘sti dati a la sitouasioun itëliana, realizant quë ënt ‘oou nostrou pais ou sount bin 31 è, ëd sittë, 12 ou sount lenguë alloglottë, choé lenguë quë lë Stat itëliën ou counsidërët lenguë ëd minourënsi storica, ël nostrë lenguë.

A la fin g’èn counhësù li “souper-eroi ëd lë lenguë”: li lingouisti.

G’èn liberamënt druvà parolë coumë lenguë mortë o estintë. Ma coza è veut dì “lenguë mortë”, “lenguë estintë”, “lenguë ën via d’estinsioun” o euncoù “lenguë ën pericoul”? Quë diferensi è i eu tra ël diversë parolë? Ou sount sinonimi o ou sinhificount sitouasioun lingouistiquë diversë?

Pruma ëd rëspoundri è i ëst nechesari ‘na prechizasioun. Ël lenguë ou sount nhint ourganizm biologic, seun ou veut dì quë lou sinhificà ëd mort ou i ëst meuc figurà. Ën più, è ventët ërcourdà quë tuiti li fatour cou determinount lou “fiourì” o la decadensi ëd ‘na lenga ou s’ riferesount a la coumunità quë zla lenga è drouet é nhin a la lengua medezima.

Couindi tounrneunt a la nostra doumënda, la pruma choza da quiërì è i ëst cou sount nhint ëd sinonimi, ma ou sinhificount chozë é sitouasioun diversë.

Na lenga è i ëst morta cant qu’è i ëst pi nhint sougeta a nhuna evoulusioun lingouistica, è vint pi nhint dëscouruva da nhuna coumunità, è vint pi nhint druvaia da nhun përlant (për ezempi lou gotic), o, anquë së utilizaië, seun è capitët përqué qui ou la drouvount l’ont ëmparaia studieunla(për ezempi lou grec ëntic), ma ou vinhount nhint dëscouruë ënt ‘na coumunità lingouistica ourganica, choé ou vinhount nhint trëzmëtuë da pari a fìi.

Quërquë lingouë mortë più “fourtunaië” ou sont evoulvuë ënt ën neu é indipendent grouppo lingouistic, ëndoua è s’eu coumpletà lou toutal prouches ëd separasioun lingouistica. Lou cazou più famous ou i ëst lou latin quë ou t’istà a la baze doou latin voulgar quë ou s’eu evoulù ënt ël lenguë roumanzë mouderne.

Enveche, l’estinsioun lingouistica è i ëst lou prouches ëd diminusion ëd la coumpetensi lingouistica qu’è capitët ënt una coumunità ëd përlant ëd ‘na cherta lenga. L’estinsioun lingouistica coumpleta è capitët cant ou restount piu nhuni përlant natìou ëd ‘na cherta lenga ënt una poupoulasioun ëndoua pruma è i erët dëscourua. Couindi, ‘na lenga è s’ dit “estinta” cant è i eu più nhun përlant natìou é è vint diretameunt soustituia da ‘na lenga diversa. ‘Na lenga è vint souveunt diquiaraia estinta ëd co pruma ëd la mort ëd l’ultim përlant natìou: s’ou restount meuc più poqui përlant vieui, cou drouvount pi nhint la lenga ën la coumunicasioun ëd tui’ li dì ënt la soua coumunità, aleura è s’ dit “lenga estinta”. Semplificant aou masim ‘na lenga è i ëst estinta cant è chesët d’estri trëzmetua coume lenga madre.

È s’ dit, a la fin, lenga ën pericoul” o “lenga minachìa d’estinsioun”, ënt ‘oou cazou quë è i eu ëncoù poqui cou la dëscoueurount é è i eu lou pericoul ëd nhint estri più utilizaia ënt ‘oou gir d’una generasioun. È vint counsideraia parei ‘na lenga anquë se è i eu ën boun numër ëd përlant, ma ou sount ën bouna part tuiti ënsieun é poqui o cazi nhun magnà ou l’eumparount.

Oura vou faou ‘na doumeunda: j’ai dit quë ‘na “lenga estinta” è i ëst counsideraia parei cant è vint pi’ nhint trëzmëtua coume lenga madre, mentre ‘na “lenga ën pericoul” è i ëst parei cant è i eu poqui përlant o anquë ën boun numër, ma sitti ou sount tuiti ënsieun é poqui o nhun magnà ou l’eumparount. Sitta è i ëst la teourìa proupounua da l’ecologia lingouistica, Ma vou chamou, pënsant, për ezempi, a la sitouasiun doou francoprouvensal, a qualë dë stë doue categourìi è fait part?