italiano

Il Santo Vangelo di Gesù Cristo nel patois di Rochemolles

Vangelo secondo Marco

Il granello di senape (IV, 30-34)

Diceva ancora: “A che paragoneremo il regno di Dio, o con quale parabola lo rappresenteremo?

Esso è simile a un granello di senape, il quale, quando lo si è seminato in terra, è il più piccolo di tutti i semi che sono sulla terra;

ma quando è seminato, cresce e diventa più grande di tutti i legumi; e fa dei rami tanto grandi, che all’ombra loro possono ripararsi gli uccelli del cielo”.

Con molte parabole di questo genere esponeva loro la parola, secondo quello che potevano intendere.

Non parlava loro senza parabola; ma in privato ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.

‘L gràn d’ la farîn da fâ la moûtard (IV, 30-34)

‘E o dzişie: “O kè bitarèn-noun a coumpareşoùn ‘l ‘regno, do Boundziou, obèn o car parabola nou ‘l farèn coumprènne? 

O l’ é coum ‘l grané d’ kèllou k s’ mourinan per fâ la farîn d’ la moûtard k, can-t-o vèn smnă dzin la tér o l’ é ‘l plû pchì d’ toutta lâ smens k la y ă sû la tér;

mè, smnă, o poûs è o cré mai k toutta lâ-ş-èrba è o fe d’ brancha tan lonja k l’-ş-uşèou do sé e pòioun s’ bitâ a lor oumbr”. 

‘E o splicâv la parôl o bèn d’ parabola coum sètta, slon k e pouìan coumprènne, è o parlâv pâ sens nobrâ d’ parabola; mè a sou-ş-apôtre, a pâr, o splicâv tou.

...