italiano

Il cane che porta la carne

Un cane, che nuotava nell’acqua di un grosso torrente portando della carne, vide la propria immagine riflessa nell’acqua e, credendo di poter strappare dalla bocca dell’altro cane il suo cibo, cercò di farlo; ingannato dalla sua ghiottoneria lasciò andare ciò che aveva in bocca senza poter afferrare ciò che cercava.

Questo insegna che, molto spesso, e a ragione, chi vuole la roba degli altri perde anche la propria.

In chìn, k najâv dzin l’ àigh dz’ûn grŏs douéir portan d’ viand, o l’ă vî soùn imaj sû l’ àigh è, in crien d’ poughé rachâ d’la gôrj ‘l mâchâ a l’ àoutr chìn, o l’ ă esaiă d’ ş fâ; troumpă da sa gourmandzîş o l’ ă lésă anâ s k o l’ avie in la gôrj, sens poughé atrapâ s k o cherchâv.

Ekèn la mountr k, souven, è bièn a réşoùn, o pèr soùn butzìn ké k vŏ ‘l butzìn do-ş-àoutre.