italiano

Il giorno della fiera

Il giorno della fiera bisognava che tutti quelli che trascinavano le scarpe andassero alla fiera al Borgovecchio di Bardonecchia: non c’era altro da vedere a quel tempo. La gente si preparava già la sera innanzi; i bambini andavano a letto di buon’ora per potersi alzare di buon mattino l’indomani ed arrivare tra i primi sulla fiera. Anche nostra madre ci faceva alzare di buon’ora: “Suvvia, alzatevi, è (il giorno del-) la fiera!” e magari era già arrivato qualcuno dei suoi fratelli o delle sue sorelle a trovarci. Arrivando al Borgovecchio, se si era in autunno, vedevate i ragazzi di Rochemolles che gironzolavano per la fiera, a vedere ciò che c’era sui banchi di vendita, rosicchiando delle pere che (in quantità) sporgevano dalle loro tasche rigonfie. Il vederli mi divertiva. Quelli i cui genitori mettevano (in vendita) qualche animale sulla fiera, andavano qua e là a vedere i bei vitelli che avevano passato l’estate sui pascoli; avevano un bel pelo lucido, morbido, erano bei grassi. I negozianti di bestiame, che erano quasi tutti di Pragelato, cercavano di comprare gli animali più belli. Era bello fare il giro della fiera […].

‘L joû d’ la fiér tou kèllou k rablavan groulla la ventâv k e l’ anèssan a la fiér in Bardounéch veugl: la y avie pâ d’aour a vé a cŏ ten. La jen e s’aprstavan jă ‘l neu dran; lou pchis e l’anavan s’arplea boun’our per poughé s’ lvâ d’ boùn matzìn ‘l leundmàn e aribâ do proumië a la fiér. Nŏtr mamà mai nou lvâv boun’oûr: “Alé, lva-ou, l’é la fiér!” e magar l’ ér jă ariba cŏciun d’ sou fraire obèn d’ sa sŏra a nou trouvâ. In ariban in Bardounéch veugl, s’ l’ ér d’ outeùn, o viìa lou bŏs d’ Archamoura k s’ parmnavan per la fiér a vé s’ k la y avie su klou ban, in rounjan d’ prùs saglìan d’ lore bisàou counfle. Mi la m’amusâv lou vé. Kèllou k avian sa jen k bitavan cŏk bestz su la fiér e l’ anavan sevé-levé a bécâ lou bèou vèou k’avian pasă gl’îtă su o pâcië: e l’ avian în bêl bour glustriant, fîn, e l’ eran bèou grâ. Lou marchan d’ bèstza, k’éran caşi tous d’ prajaren, e cherchavan d’ achatâ lâ plû bèlla d’ la fiér. L’ér bé fâ ‘l vî d’ la fiér


...