italiano

Bisogna essere obbedienti

Piccolo mio – diceva un giorno una rondine ad uno dei suoi piccini – vedi, laggiù, quei bastoni? Non devi andarci a sfregare; credi alla tua mamma”.

Quante storie fa – disse fra sé quel piccino – che cosa c’è di tanto pericoloso su quei bastoni? Anche se la mia mamma non vuole, io voglio andare a vedere con i miei occhi e togliermi questo capriccio”.

Subito il piccolo volò giù dal nido a guardare e rimase attaccato ad un bastone.

Erano bastoni spalmati di una sostanza appiccicosa, messa apposta per (catturare) gli uccelli. E gli toccò morire.

“Moun pchi – e dzisie in joû în iroundêl a ùn d’ sou pclhis – vie-tzu klou bâtoun eledavà?

La vent pâ k tzu j ànna t’ frtâ, crei a ta mamà».

«K d’ chansoun e fâi!» – o l’ a dzî intr ié cò pchi – «k y a-lè sû klou bâtoun d’ tan danjroû? Canmém k ma mamà veuch pa, a vorou anâ vé d’ mou-s-èou è m’ garâ l’ idèi».

Sû o cò ‘l pchi o l’ à vourà avà do gnik a bécâ è o l’ è ità atarà a-gn-un bâtoùn.

L’ ér d’ bâtoun ingrapâ d’ butzìn k’ apigl, bitâ spré o-s-usèou; è la i â venta murì.