Enti in rete L.482/99   

Val Ges Un Toponim una estoria

Il (Cartunier) e la cavalla bianca

Lo Cartonier e la cavala biancha

Entracque – Val Gesso

Il (Cartunier) e la cavalla bianca
italiano Fino alla metà del Novecento, in Val Gesso, il principale mezzo di trasporto commerciale, era il carreton. Simile ad un carro, ma con ruote decisamente più grandi e robuste, veniva tirato dal mulo o dal cavallo. I (cartunier) partivano alle prime luci dell'alba da Entracque e dal Pian, una piccola borgata più a valle, carichi di legname raggiungevano Cuneo nel primo pomeriggio e rientravano in tarda sera. Il loro tragitto era sempre avventuroso e pieno d'imprevisti: la rottura di una ruota, una frana, le bizze dell'animale; di conseguenza le storie e l'immaginazione popolare trovavano terreno fertile. Margherita Brau, la nostra affezionata narratrice della Val Gesso, ci racconta la storia di un giovane (cartunier) e la sua cavalla bianca. Una sera, il giovane (cartunier), mentre rientrava ad Entracque vide una bellissima cavalla bianca ferma ad un incrocio, subito non seppe come comportarsi ma il desiderio di averla era troppo grande, prese una corda, gliela legò al collo e la prese con se. Arrivato a casa, la mise legata nella stalla, le dette da mangiare augurandole una buon riposo. La mattina seguente, il giovane scese nella stalla per vedere la sua bella cavalla, aprendo la porta vide una bella donna dai capelli biondi legata alla mangiatoia, rimase sbalordito, attonito, senza parole. La donna gli raccontò la sua metamorfosi e gli raccomandò di non farne parola con nessuno, altrimenti la sorte gli sarebbe stata avversa, per ricompensare il suo silenzio, la donna gli promise una vita fortunata e agiata.
occitan Fins a la meitat dal Nòu Cent, en Val Ges, lo principal mejan de transpòrt comercial era lo carreton, un car embe las roas pus gròssas e robustas que venia tirat dal mul o dal caval. Lhi cartoniers partion ai premiers clars dal matin da Entraigas e dal Plan, una pichòta ruaa mai aval, charjats de bòsc; arribavon a Coni dins lo premier après-metzjorn e retornavon puei lo sera tard. Lor viatge era sempre aventurós e plen d'imprevists: la rotura d'una roa, una frana, lhi capricis d'una bèstia; e sus aquò las estòrias e l'imaginacion popolara trobavon de terren fèrtil.
Margherita Brau, nòstra afecionaa narratritz de la Val Ges, nos còntia l'estòria d'un jove (cartonier) e de sa cavala blancha. Un sera, lo jove, mentre tornava a Entraigas, avia vist una jòlia cavala blancha fèrma a una crosiera; tot súbit saubia pas coma se comportar, mas lo desir de l'aver era tròp grand. Com aquò, pilhaa una còrda, lhi l'avia viraa d'entorn al còl e l'avia menaa embe el. Arribat a maison, l'avia gropaa dins l'estable e après l'paver governaa lhi avioa donat la bònanuech. Lo matin d'après, lo jove era calat dins l'estable per veire sa jòlia cavala, mas en durbent la pòrta, gropaa a la grépia avia trobaa una jòlia filha dai pels blond. Estaburnit, sensa paraulas, la filha lhi avia contiat sa metamòrfosi e lhi avia recomandat de ne'n far pas paraula embe degun, se no la sòrt lhi seria estaa advèrsa. Per recompensar son silenci, la frema lhi avia promés una vita fortunaa e aisaa.

Il (Cartunier) e la cavalla bianca

Lo Cartonier e la cavala biancha

Entracque – Val Gesso

Il (Cartunier) e la cavalla bianca
italiano Fino alla metà del Novecento, in Val Gesso, il principale mezzo di trasporto commerciale, era il carreton. Simile ad un carro, ma con ruote decisamente più grandi e robuste, veniva tirato dal mulo o dal cavallo. I (cartunier) partivano alle prime luci dell'alba da Entracque e dal Pian, una piccola borgata più a valle, carichi di legname raggiungevano Cuneo nel primo pomeriggio e rientravano in tarda sera. Il loro tragitto era sempre avventuroso e pieno d'imprevisti: la rottura di una ruota, una frana, le bizze dell'animale; di conseguenza le storie e l'immaginazione popolare trovavano terreno fertile. Margherita Brau, la nostra affezionata narratrice della Val Gesso, ci racconta la storia di un giovane (cartunier) e la sua cavalla bianca. Una sera, il giovane (cartunier), mentre rientrava ad Entracque vide una bellissima cavalla bianca ferma ad un incrocio, subito non seppe come comportarsi ma il desiderio di averla era troppo grande, prese una corda, gliela legò al collo e la prese con se. Arrivato a casa, la mise legata nella stalla, le dette da mangiare augurandole una buon riposo. La mattina seguente, il giovane scese nella stalla per vedere la sua bella cavalla, aprendo la porta vide una bella donna dai capelli biondi legata alla mangiatoia, rimase sbalordito, attonito, senza parole. La donna gli raccontò la sua metamorfosi e gli raccomandò di non farne parola con nessuno, altrimenti la sorte gli sarebbe stata avversa, per ricompensare il suo silenzio, la donna gli promise una vita fortunata e agiata.
occitan Fins a la meitat dal Nòu Cent, en Val Ges, lo principal mejan de transpòrt comercial era lo carreton, un car embe las roas pus gròssas e robustas que venia tirat dal mul o dal caval. Lhi cartoniers partion ai premiers clars dal matin da Entraigas e dal Plan, una pichòta ruaa mai aval, charjats de bòsc; arribavon a Coni dins lo premier après-metzjorn e retornavon puei lo sera tard. Lor viatge era sempre aventurós e plen d'imprevists: la rotura d'una roa, una frana, lhi capricis d'una bèstia; e sus aquò las estòrias e l'imaginacion popolara trobavon de terren fèrtil.
Margherita Brau, nòstra afecionaa narratritz de la Val Ges, nos còntia l'estòria d'un jove (cartonier) e de sa cavala blancha. Un sera, lo jove, mentre tornava a Entraigas, avia vist una jòlia cavala blancha fèrma a una crosiera; tot súbit saubia pas coma se comportar, mas lo desir de l'aver era tròp grand. Com aquò, pilhaa una còrda, lhi l'avia viraa d'entorn al còl e l'avia menaa embe el. Arribat a maison, l'avia gropaa dins l'estable e après l'paver governaa lhi avioa donat la bònanuech. Lo matin d'après, lo jove era calat dins l'estable per veire sa jòlia cavala, mas en durbent la pòrta, gropaa a la grépia avia trobaa una jòlia filha dai pels blond. Estaburnit, sensa paraulas, la filha lhi avia contiat sa metamòrfosi e lhi avia recomandat de ne'n far pas paraula embe degun, se no la sòrt lhi seria estaa advèrsa. Per recompensar son silenci, la frema lhi avia promés una vita fortunaa e aisaa.