Enti in rete L.482/99   

Val Vermenanha - La dança dei toponims

Un nome, una storia, un luogo

Un nom, una estòria, un luec

Robilante - Val Vermenagna

Un nome, una storia, un luogo
italiano I nomi dei luoghi risalgono ad epoche lontane, antiche, spesso perfino i nostri avi faticano a ricordare; ma esistono ancora, proprio per lasciare memoria.
Ricordano fatti, avvenimenti, storie, tradizioni, momenti di storia vissuta.
Uno di questi è il "Pilon de la Batalha", sopra Robilante, vicino al Malandrè, si riferisce alla battaglia di Roccavione, nel 1275, tra il Marchesato di Saluzzo e i Provenzali.
Poco vicino, sul medesimo colle, si nota un altro Pilone, Il "Pilon dal Mòro", il quale è stato eretto per ricordare la battaglia tra la gente del luogo e i sarceni, avvenuta nell'anno mille. Sorge su una via di passaggio tra Boves e Robilante ai piedi della Bisalta.
Si risale poi per cresta e si raggiunge la cappella del Malandrè, un luogo molto suggestivo affacciato sulla Val Vermenagna, una volta ci abitava il prete, il quale oltre a svolgere le sue funzioni liturgiche, aveva creato all'interno della modesta casa parrocchiale una piccola scuola per i bambini della borgata, sostenuta economicamente dalle famiglie.
Da questa altitudine è facile dominare il paese di Robilante, dove spicca la chiesa parrocchiale di San Donato, via Vittorio Veneto, quella che gli anziani chiamano via Rocet, in italiano "ricetto", la parte chiusa del paese, la piazza grande e tutte le borgate appoggiate sul versante opposto.
occitan Lhi noms di luecs remonton a d'èpocas luenhas, anticas, que sovent decò nòstri reires trebulon a recordar; mas lhi son encà, pròpi per laissar memòria. Recòrdon de fachs, d'eveniments, d'istòrias, de tradicions, de moments d'istòria vissua.
Un d'aquesti es lo Pilon de la Batalha, amont de Robilant, da pè al Malandré; se riferís a la batalha de Rocavion, ental 1275, entre lo Marquesat de Saluces e lhi Provençals.
Pas ben luenh, sus la mesma còla, s'arriba a un autre pilon, lo Pilon dal Mòro, dreiçat per recordar las batalhas entre la gent d'aicí e lhi sarrasins, dins l'an mila. Se tròba sus una via de passatge entre Bueves e Robilant, ai pè d'la Besimauda. Remontant lo crest se rejónh a la chapèla dal Malandré, dins un luec suggestiu esguinchat sus la valada. Un bòt aquí vivia un preire, que dins la canònica avia creaa decò una pichòta escòla per lhi filhet de la ruaa, sostengua economicament da las familhas. D'aquí se dòmina ben lo país, embe la gleisa parroquiala de Sant Donat, via Vittorio Veneto, dicha un bòt via Rocet (lo "ricetto" en italian, o ben la part sarraa al metz dal país), la plaça granda e totas las ruaas butaas sus l'autre versant.

Un nome, una storia, un luogo

Un nom, una estòria, un luec

Robilante - Val Vermenagna

Un nome, una storia, un luogo
italiano I nomi dei luoghi risalgono ad epoche lontane, antiche, spesso perfino i nostri avi faticano a ricordare; ma esistono ancora, proprio per lasciare memoria.
Ricordano fatti, avvenimenti, storie, tradizioni, momenti di storia vissuta.
Uno di questi è il "Pilon de la Batalha", sopra Robilante, vicino al Malandrè, si riferisce alla battaglia di Roccavione, nel 1275, tra il Marchesato di Saluzzo e i Provenzali.
Poco vicino, sul medesimo colle, si nota un altro Pilone, Il "Pilon dal Mòro", il quale è stato eretto per ricordare la battaglia tra la gente del luogo e i sarceni, avvenuta nell'anno mille. Sorge su una via di passaggio tra Boves e Robilante ai piedi della Bisalta.
Si risale poi per cresta e si raggiunge la cappella del Malandrè, un luogo molto suggestivo affacciato sulla Val Vermenagna, una volta ci abitava il prete, il quale oltre a svolgere le sue funzioni liturgiche, aveva creato all'interno della modesta casa parrocchiale una piccola scuola per i bambini della borgata, sostenuta economicamente dalle famiglie.
Da questa altitudine è facile dominare il paese di Robilante, dove spicca la chiesa parrocchiale di San Donato, via Vittorio Veneto, quella che gli anziani chiamano via Rocet, in italiano "ricetto", la parte chiusa del paese, la piazza grande e tutte le borgate appoggiate sul versante opposto.
occitan Lhi noms di luecs remonton a d'èpocas luenhas, anticas, que sovent decò nòstri reires trebulon a recordar; mas lhi son encà, pròpi per laissar memòria. Recòrdon de fachs, d'eveniments, d'istòrias, de tradicions, de moments d'istòria vissua.
Un d'aquesti es lo Pilon de la Batalha, amont de Robilant, da pè al Malandré; se riferís a la batalha de Rocavion, ental 1275, entre lo Marquesat de Saluces e lhi Provençals.
Pas ben luenh, sus la mesma còla, s'arriba a un autre pilon, lo Pilon dal Mòro, dreiçat per recordar las batalhas entre la gent d'aicí e lhi sarrasins, dins l'an mila. Se tròba sus una via de passatge entre Bueves e Robilant, ai pè d'la Besimauda. Remontant lo crest se rejónh a la chapèla dal Malandré, dins un luec suggestiu esguinchat sus la valada. Un bòt aquí vivia un preire, que dins la canònica avia creaa decò una pichòta escòla per lhi filhet de la ruaa, sostengua economicament da las familhas. D'aquí se dòmina ben lo país, embe la gleisa parroquiala de Sant Donat, via Vittorio Veneto, dicha un bòt via Rocet (lo "ricetto" en italian, o ben la part sarraa al metz dal país), la plaça granda e totas las ruaas butaas sus l'autre versant.