Enti in rete L.482/99   

Valdieri - Testimonianças de vita

Bruno Rigaudo

Bruno Rigaudo

Muratore - Andonno

Bruno Rigaudo
italiano Ho cominciato a 14 anni, facendo il manovale per un'impresa. Poi ho provato a cambiare, sono andato un po' in fabbrica, forse per due anni, non ricordo neanche più bene. Poi ho ricominciato, per conto mio, da solo. Era il mese di aprile, ho fatto con mio cognato che mi ha dato una mano una casa qui ad Andonno, poi ho continuato, perché mi piaceva. Mi sono poi messo in società con mio fratello e Tonino e abbiamo continuato fino all'altro giorno che sono andato in pensione. Ora continuo ancora, ho due figli che mi aiutano. No, sono io che aiuto loro, io ormai sono già a posto, ma mi piace fare questo lavoro: fare muri, carpentiere, mettere pietre, piastrelle, qualsiasi cosa.
Ho lavorato a Valdieri, ad Andonno, a Robilante, a Roccavione, a Roaschia, a Santa Croce di Cervasca, a Borgo.
Noi facciamo dagli scavi fino alla fine, facciamo tutto, fino all'intonaco.
Finchè siamo d'accordo tutti insieme continuiamo finchè posso. Poi lascerò loro, che si aggiustino... Il più vecchio è già in gamba, il più giovane un po' meno, ma poi... Il più vecchio è già più in gamba in me, perché su certe cose che fanno nuove ora, sai questi progettisti... Non è più come una volta, una volta bene o male ti aggiustavi, ora con tutti questi progettisti, tutti questi disegni: il più vecchio è più pratico di me fra tutti questi disegni... e il più giovane, pian piano, si incammina dietro. Sperando che vadano d'accordo, ma loro vanno d'accordo, così possono andare avanti come sono andato avanti io.

occitan Ai tacat a 14 ans, fasiu lo manoal per un'empresa. Après ai provat de chambiar, siu anat per na peça en fàbrica, me semelha dui ans, sai nhanca pus ben. Après ai já mai tacat per mon compt, da solet. Era lo mes d'abril, ai fach na casa aicí a Andòn e mon conhat m'a donat na man. Me plasia e parelh ai contunhat. Erem sòcis mi, mon fraire e Tonin e sèm anat anant fins a l'autre jorn que siu anat en pension. Trabalho encà e ai dui filhs que m'ajuen. Verament siu mi qu'ajuo lor, oramai mi ai fach aquò miu, mas la me plai aqueste trabalh: far murs, carpenteria, murar a peira, piastrelar, tot aquò.
Ai trabalhat a Vaudier, a Andòn, a Robilant, a Rocavion, a Roascha, a Santa Crotz de Cervasca, a O Borg.
Nosautri fasem tot, da l'escau a la fins, fasem tot, fins a l'arriçadura.
Fins qu'anem d'acòrdi anem anant tuchi ensem. Après laisso a lor, que se desbruelhen... Lo pus vielh es já ben en gamba, lo pus jove pas encà pro, mas... Na vira ben o mal t'arrajaves, aüra es pus parelh, tuchi aquilhi prejectistas, tuchi aquilhi dessenhs: lo pus vielh ent'aquestas causas es pus pratic de mi... e lo pus jove plan planet se fai. Espero que vanen d'acòrdi, mas lor van d'acòrdi, e parelh van anant coma siu anat anant mi.

Bruno Rigaudo

Bruno Rigaudo

Muratore - Andonno

Bruno Rigaudo
italiano Ho cominciato a 14 anni, facendo il manovale per un'impresa. Poi ho provato a cambiare, sono andato un po' in fabbrica, forse per due anni, non ricordo neanche più bene. Poi ho ricominciato, per conto mio, da solo. Era il mese di aprile, ho fatto con mio cognato che mi ha dato una mano una casa qui ad Andonno, poi ho continuato, perché mi piaceva. Mi sono poi messo in società con mio fratello e Tonino e abbiamo continuato fino all'altro giorno che sono andato in pensione. Ora continuo ancora, ho due figli che mi aiutano. No, sono io che aiuto loro, io ormai sono già a posto, ma mi piace fare questo lavoro: fare muri, carpentiere, mettere pietre, piastrelle, qualsiasi cosa.
Ho lavorato a Valdieri, ad Andonno, a Robilante, a Roccavione, a Roaschia, a Santa Croce di Cervasca, a Borgo.
Noi facciamo dagli scavi fino alla fine, facciamo tutto, fino all'intonaco.
Finchè siamo d'accordo tutti insieme continuiamo finchè posso. Poi lascerò loro, che si aggiustino... Il più vecchio è già in gamba, il più giovane un po' meno, ma poi... Il più vecchio è già più in gamba in me, perché su certe cose che fanno nuove ora, sai questi progettisti... Non è più come una volta, una volta bene o male ti aggiustavi, ora con tutti questi progettisti, tutti questi disegni: il più vecchio è più pratico di me fra tutti questi disegni... e il più giovane, pian piano, si incammina dietro. Sperando che vadano d'accordo, ma loro vanno d'accordo, così possono andare avanti come sono andato avanti io.

occitan Ai tacat a 14 ans, fasiu lo manoal per un'empresa. Après ai provat de chambiar, siu anat per na peça en fàbrica, me semelha dui ans, sai nhanca pus ben. Après ai já mai tacat per mon compt, da solet. Era lo mes d'abril, ai fach na casa aicí a Andòn e mon conhat m'a donat na man. Me plasia e parelh ai contunhat. Erem sòcis mi, mon fraire e Tonin e sèm anat anant fins a l'autre jorn que siu anat en pension. Trabalho encà e ai dui filhs que m'ajuen. Verament siu mi qu'ajuo lor, oramai mi ai fach aquò miu, mas la me plai aqueste trabalh: far murs, carpenteria, murar a peira, piastrelar, tot aquò.
Ai trabalhat a Vaudier, a Andòn, a Robilant, a Rocavion, a Roascha, a Santa Crotz de Cervasca, a O Borg.
Nosautri fasem tot, da l'escau a la fins, fasem tot, fins a l'arriçadura.
Fins qu'anem d'acòrdi anem anant tuchi ensem. Après laisso a lor, que se desbruelhen... Lo pus vielh es já ben en gamba, lo pus jove pas encà pro, mas... Na vira ben o mal t'arrajaves, aüra es pus parelh, tuchi aquilhi prejectistas, tuchi aquilhi dessenhs: lo pus vielh ent'aquestas causas es pus pratic de mi... e lo pus jove plan planet se fai. Espero que vanen d'acòrdi, mas lor van d'acòrdi, e parelh van anant coma siu anat anant mi.