Enti in rete L.482/99   

Valdieri - Testimonianças de vita

Rittana Franco

Rittana Franco

Negozio di ferramenta a Valdieri e il figlio Claudio Di Tullio - idraulico lattoniere

Rittana Franco
italiano Abbiamo aperto questo negozio nel 1967; abbiamo iniziato nel sottoscala perché non avevamo locali: vicino ad una finestra abbiamo messo due plance con due o tre pentolini...verità sacrosanta. Poi abbiamo visto che la cosa poteva funzionare e abbiamo iniziato a fare il negozio: l'abbiamo costruito in tre riprese. Prima un pezzo, poi, dopo aver messo da parte i soldi necessari, un altro pezzo e abbiamo ingrandito un po'. Lavoro negli anni passati ce n'era, perché c'erano le ditte, Enel e altri nomi che adesso non mi ricordo. Finite le ditte, è cominciata la crisi.
Io non ho mai fatto ferie, mai chiuso! Be', scherziamo? In tempo di ferie, tu chiudi? Abbiamo tenuto duro e lavorato sodo, a tutte le ore... Alle nove di sera suona il campanello e si scende, perché non bisogna mai rifiutarsi: saranno solo 100 lire...
Sono contenta di averlo fatto, è una mia passione più che altro: mi piace parlare con la gente, mi piace... Se lo si facesse solo per guadagnare soldi... Be', una volta si guadagnava qualcosa, ma negli ultimi otto anni, non si fa più niente, quel che si guadagna è una stupidaggine. Fossi venuto qualche anno fa nel mese di luglio a farmi questa intervista, ti avrei detto bè, è pieno di gente, ho da fare. Ora non c'è anima viva! Abbiamo tenuto duro proprio perché ci piace. Io sono in pensione ormai da sette anni, potrei lasciar perdere. Eppure, mi sembra di morire senza questo negozio. E' un pezzo di te che dai via, ecco perché non chiudiamo il negozio. Avevamo già messo il cartello, cedesi attività. Poi, visto che nessuno si presentava, via il cartello svelti svelti.
Mio padre faceva già l'idraulico e il fabbro, aveva cominciato nel 1965. Quando io avevo 10 anni gli andavo già dietro a filettare i tubi di ferro; poi, appena ho avuto 20 anni mi sono messo per conto mio. Lui era malato ma mi aiutava, mi insegnava a fare le cose vecchie come il ferro battuto; nel settore dell'idraulica c'è stata grande innovazione, non il ritorno a cose tradizionali. Invece come lattoniere, fabbro, mi ha insegnato il ferro battuto, con la forgia, a fare i fiori.
occitan Avem butat su aqueste negòci ental 1967; avem començat dins lo sot-eschala perque lhi avia pas n'autre local. Dapè a na fenèstra avem butat doas pòsts embe qualques baraquins... es la veritat. Après avem vist que polia foncionar e avem montat lo negòci, l'avem fach en tres moment. Derant un toquet, après avem abaronat de sòuds e n'avem fach n'autre e se sem esgrandits na brisa. Ental passat de trabalh lhi n'avia, lhi avia d'empresas, l'Enel e d'autras. Fenit aquò a tacat la crisi.
Quié ai jamai fach de vacanças, ai jamai barrat! Be, vòs esquersar? Vòs barrar quora la gent ven en vacança? Avem tengut dur; sempre aicí, a totas las oras... Se a nòu oras de sera sòna lo cloquin, se cala; chal pas dir de non: foguesse masque 100 liras, aquilhi quatre sòuts...
Siu contenta d'aquò qu'ai fach, es na passion: me plai de parlar embe la gent... Fos masque per lhi sòuds... Be, na vira se ganhava qualcòsa, mas d'en darrier se fai pus ren, lo ganh es na misèria. Se tu foguesses vengut qualques ans passats a lo mes de lulh a far-me aquesta entrevista, t'auriu dich "ai tròp de gent, ai pas lo temp". Aüra lhi pas ànima viva! Avem tengut dur perque nos plai. Quié siu en pension da sèt ans, poleriu quitar mas me semelha de murir sensa aiçò, sensa aqueste negòci. Es na part de tu que abandones. Aviem já pendut lo cartèl, s'armet l'activitat. Après degun se fasia anant e avem gavat lo cartèl.
Mon paire fasia já l'idràulic e lo ferrier, avia tacat ental 1965. Quié quora aviu 10 ans lhi anavo d'arrier a filetar lhi tubos; quora ai agut 20 ans ai tacat per mon compt. Mon paire era malate mas me donava encara na man, me mostrava lhi trabalhs vielhs coma lo fèrre batut; dins l'idraulica lhi a agut de gròs chambiaments, s'es pas tornat an aquò de na vira, mas coma tolier, ferrier, m'a mostrat a trabalhar a la fòrja, lo fèrre batut, far las flors.

Rittana Franco

Rittana Franco

Negozio di ferramenta a Valdieri e il figlio Claudio Di Tullio - idraulico lattoniere

Rittana Franco
italiano Abbiamo aperto questo negozio nel 1967; abbiamo iniziato nel sottoscala perché non avevamo locali: vicino ad una finestra abbiamo messo due plance con due o tre pentolini...verità sacrosanta. Poi abbiamo visto che la cosa poteva funzionare e abbiamo iniziato a fare il negozio: l'abbiamo costruito in tre riprese. Prima un pezzo, poi, dopo aver messo da parte i soldi necessari, un altro pezzo e abbiamo ingrandito un po'. Lavoro negli anni passati ce n'era, perché c'erano le ditte, Enel e altri nomi che adesso non mi ricordo. Finite le ditte, è cominciata la crisi.
Io non ho mai fatto ferie, mai chiuso! Be', scherziamo? In tempo di ferie, tu chiudi? Abbiamo tenuto duro e lavorato sodo, a tutte le ore... Alle nove di sera suona il campanello e si scende, perché non bisogna mai rifiutarsi: saranno solo 100 lire...
Sono contenta di averlo fatto, è una mia passione più che altro: mi piace parlare con la gente, mi piace... Se lo si facesse solo per guadagnare soldi... Be', una volta si guadagnava qualcosa, ma negli ultimi otto anni, non si fa più niente, quel che si guadagna è una stupidaggine. Fossi venuto qualche anno fa nel mese di luglio a farmi questa intervista, ti avrei detto bè, è pieno di gente, ho da fare. Ora non c'è anima viva! Abbiamo tenuto duro proprio perché ci piace. Io sono in pensione ormai da sette anni, potrei lasciar perdere. Eppure, mi sembra di morire senza questo negozio. E' un pezzo di te che dai via, ecco perché non chiudiamo il negozio. Avevamo già messo il cartello, cedesi attività. Poi, visto che nessuno si presentava, via il cartello svelti svelti.
Mio padre faceva già l'idraulico e il fabbro, aveva cominciato nel 1965. Quando io avevo 10 anni gli andavo già dietro a filettare i tubi di ferro; poi, appena ho avuto 20 anni mi sono messo per conto mio. Lui era malato ma mi aiutava, mi insegnava a fare le cose vecchie come il ferro battuto; nel settore dell'idraulica c'è stata grande innovazione, non il ritorno a cose tradizionali. Invece come lattoniere, fabbro, mi ha insegnato il ferro battuto, con la forgia, a fare i fiori.
occitan Avem butat su aqueste negòci ental 1967; avem començat dins lo sot-eschala perque lhi avia pas n'autre local. Dapè a na fenèstra avem butat doas pòsts embe qualques baraquins... es la veritat. Après avem vist que polia foncionar e avem montat lo negòci, l'avem fach en tres moment. Derant un toquet, après avem abaronat de sòuds e n'avem fach n'autre e se sem esgrandits na brisa. Ental passat de trabalh lhi n'avia, lhi avia d'empresas, l'Enel e d'autras. Fenit aquò a tacat la crisi.
Quié ai jamai fach de vacanças, ai jamai barrat! Be, vòs esquersar? Vòs barrar quora la gent ven en vacança? Avem tengut dur; sempre aicí, a totas las oras... Se a nòu oras de sera sòna lo cloquin, se cala; chal pas dir de non: foguesse masque 100 liras, aquilhi quatre sòuts...
Siu contenta d'aquò qu'ai fach, es na passion: me plai de parlar embe la gent... Fos masque per lhi sòuds... Be, na vira se ganhava qualcòsa, mas d'en darrier se fai pus ren, lo ganh es na misèria. Se tu foguesses vengut qualques ans passats a lo mes de lulh a far-me aquesta entrevista, t'auriu dich "ai tròp de gent, ai pas lo temp". Aüra lhi pas ànima viva! Avem tengut dur perque nos plai. Quié siu en pension da sèt ans, poleriu quitar mas me semelha de murir sensa aiçò, sensa aqueste negòci. Es na part de tu que abandones. Aviem já pendut lo cartèl, s'armet l'activitat. Après degun se fasia anant e avem gavat lo cartèl.
Mon paire fasia já l'idràulic e lo ferrier, avia tacat ental 1965. Quié quora aviu 10 ans lhi anavo d'arrier a filetar lhi tubos; quora ai agut 20 ans ai tacat per mon compt. Mon paire era malate mas me donava encara na man, me mostrava lhi trabalhs vielhs coma lo fèrre batut; dins l'idraulica lhi a agut de gròs chambiaments, s'es pas tornat an aquò de na vira, mas coma tolier, ferrier, m'a mostrat a trabalhar a la fòrja, lo fèrre batut, far las flors.