Enti in rete L.482/99   

La masca di Sant'Anna

La mascha de Sant'Anna

Valdieri – Val Gesso

La masca di Sant'Anna
italiano Le masche sono figure dell'immaginario popolare, da intendersi come un'espressione regionale del termine "streghe". Esse possono essere benevole o malvagie, di solito vecchie ed esperte, sempre dotate di poteri soprannaturali e profondamente competenti sugli effetti delle erbe officinali, che utilizzano per i loro arcani propositi. Queste conoscenze sono l'espressione animistica e pagana delle credenze delle popolazioni montanare di un tempo, un patrimonio filtrato attraverso le miserie e le sofferenze di generazioni di persone che hanno tramandato verbalmente bellissime storie. Tali racconti sono il tesoro lasciatoci in eredità, un bagaglio di conoscenza, di fantasia naturalistica e testimonianza di vita di un tempo. Margherita Brau, una simpatica ed estroversa signora di Sant'Anna di Valdieri ci racconta una vicenda capitata a inizio Novecento nel suo paese. La storia narra di un giovane innamorato, il quale due o tre volte a settimana si avventurava fino a Desertetto, una piccola borgata di Valdieri, per incontrare la sua amata. La madre di lui non approvava e invitava sempre il figlio a trovarsi una ragazza in paese. Un sera mentre ritornava da Desertetto, lungo il sentiero della “Bara” incontrò un gatto tutto nero, il quale gli impediva il passaggio, il giovane preso dalla fretta e spazientito, lo colpì con un bastone e il gatto scappò tra scintille e fiamme. La mattina seguente il ragazzo scese in cucina e vide la madre con la gamba rotta, la quale gli confermò dell'atto brutale che le aveva inflitto nei panni del gatto. Da quel giorno il giovane smise di vedere la sua amata.
occitan Las maschas son de figuras de l’imaginari polular, una varianta regionala de las sorcieras. Pòlon èsser benevolentas o marrias, de costuma vielhas e expertas, sempre doaas de poders sobrenaturals e profondas conoisseiras de las èrbas oficinalas, qu’adòbron per lors misteriós prepaus. Aquelas coneissenças son l’expression animística e pagana de las creienças de las popolacions montanhardas d’un temp, un patrimòni filtrat a travèrs las misèrias e las sufrenças de generacions de personas qu’an tramandat verbalament de bèlas estòrias. Aquilhi còntes son lo tresòr nos laissat en eretatge, un bagatge de coneissenças, de fantasia naturalística e una testimoniança de la vita d’un temp. Margherita Brau, simpàtica e extrovèrsa senhora de Sant’Ana de Vaudier, nos còntia una vicenda avengua al començament dal Nòu Cent a son país. L’estòria còntia d’un jove enamorat que tres bòt a la setmana anava a Desertet, una pichòta ruaa de Vaudier, per encontrar son amaa. Sa maire aprovava pas e lhi disia totjorn de se trobar un’amorosa al país. Un sera, mentre tornava da Desertet, lòng lo viòl de la Barra avia rescontrat un chat tot nier que lhi empachava de passar. Lo jove, pilhat da la prèssa e despacientat, lhi avia fotut una bastonaa, lo fasent escapar a tota corsa. Lo matin d’après, calant en cusina, avia trobaa sa maire embe la chamba troçaa, que lhi avia confermat l’acte brutal subit quora s’era tremudaa dins un chat. Da quel jorn lo jove avia quitat de veire son amaa.