Enti in rete L.482/99   

Valdieri

Vaudier

Valdieri
italiano Posto a 774 m di quota, nel cuore del Parco delle Alpi Marittime, con le frazioni Andonno, Sant’Anna, Desertetto, San Lorenzo e Terme e i suoi 958 abitanti Valdieri costituisce il comune più popoloso della valle Gesso. Sorge ai piedi del Monte Matto, 3097 m, e del Massiccio dell’Argentera, il più elevato delle Alpi Marittime, 3297 m, montagne su cui dal 1879 è stata scritta la storia dell’alpinismo nelle Alpi del Sud.
Il toponimo risalirebbe al radicale celtico-germanico wald, bosco, con riferimento agli abitanti del bosco, i Valderii. Il primo documento a citare Valderio è la Bolla pontificia di Innocenzo IV, del 1246, che elenca le dipendenze dell'abbazia di Pedona. Alcuni anni dopo, seguendo le sorti di Cuneo del cui distretto fa parte, presta giuramento di fedeltà agli Angiò, ma i valdieresi continuano a riconoscere i diritti dell'abate. Sotto la signoria provenzale la villa si costituisce in comune, e con la caduta del governo angioino passa sotto Amedeo VI, il Conte Verde, che la infeuda (1372) a Carlo dei Marchesi di Ceva. Nel 1424 Valdieri torna sotto i Savoia, seguendone le sorti fino al trattato di Cateau Cambresis (1559). Il duca Carlo Emanuele I nel 1620 ne fa una contea, infeudandola a Sebastiano Valfredo signore di Castel Rainero. Dal Settecento, con il dominio francese, la situazione si aggrava per le scorrerie delle truppe rivoluzionarie. L'Ottocento mette ancora alla prova il paese, colpito da esondazioni del rio Colletto, che causano danni e perdite umane. Nel 1857 l’alta Valle Gesso diviene Riserva Reale di caccia di Vittorio Emanuele II e meta della villeggiatura estiva dei Savoia, e questo dà nuova linfa all’economia locale, con la costruzione a Sant’Anna della Casa del Re, di quella della principessa Giovanna, di alloggi per il personale, cappella, cinema, forno, ghiacciaia. A Terme vengono realizzate la casa della Bella Rosin e la casa di caccia al Valasco, architettonicamente pregevoli, e tra i boschi di strade lastricate per consentire il passaggio del re cacciatore a cavallo. Altro importante tassello per l’economia locale furono e sono le Terme a 1370 m: nel 1857 Vittorio Emanuele II pose la prima pietra dell'attuale stabilimento, in sostituzione di precedenti fabbricati andati in rovina. Con la conclusione dell'ultimo conflitto mondiale tornarono alla Francia i territori d'Oltralpe e con questi la borgata di Mollières, aggregata al comune di Valdieri dal 1861.
Nel 1995 è stato istituito il Parco Naturale delle Alpi Marittime, che si estende su 26.000 ettari di superficie. Di rilievo anche la riserva naturale speciale juniperus phoenicea, a tutela di una colonia di ginepro fenicio, arbusto marittimo che vive qui alle quote piú elevate d'Italia, e il progetto avviato negli anni ’90 di reintroduzione del gipeto, rapace estintosi agli inizi del secolo.
Sullo spartiacque con la Valle Stura, a 1305 m, sorge il Santuario della Madonna del Colletto del ‘600, luogo cardine non solo della spiritualità locale ma anche della resistenza partigiana. La frazione più popolata di Valdieri è Andonno, con la Cappella della Madonna delle Grazie o Madonna del Gerbetto (XIII sec.) che custodisce un affresco del 1500 della Natività, le rovine di un’antica torre, il Castlàs, usata nel XIII secolo come punto di avvistamento, e una delle migliori falesie per arrampicata, dove è stato aperto il primo 8c+ d'Italia; ad Andonno si svolge anche uno dei più famosi presepi viventi delle valli occitane. Tra i musei, interessante l’Ecomuseo della segale a Sant’Anna e quello della necropoli protostorica a Valdieri.
occitan Plaçaa a 774 m de autessa, ental còr del Parc des Alps Maritimas, emè las fracions Endòn, Blanjier, Desertet, Sant Lorenç e Termas e lhi sius 958 abitants Vaudier es la comuna mai granda de la val Gès. Se tròba ai pè del Mont Mat, 3097 m, e de l’Argentera, la pus auta des Maritimas, 3297 m, montanhas ente despuei lo 1879 es estaa escricha l’istòria de l’alpinisme ent’las Alps del Sud.
Lo topònim remontaria al radical celtic-germanic wald, bòsc, en relacion a lhi abitants del bòsc, lhi Valderii. Lo premier document a parlar de Valderio es la Bola papala de Innocenzo IV, del 1246, en las dipendenças de l'abadia de Pedona. Quarqui ans d’aprés, coma Coni, jura fedeltat ai Anjau, mas continua a reconoisser lhi drechs de l'abat. Sot la senhoria provençala la vila deven comuna, e emè la fin del govèrn anjauvin passa sot Amedeo VI, lo Comt Verd, que la dona (1372) a Carl di Marqués de Ceva. Ental 1424 Vaudier torna sot lhi Savòia, fins al tractat de Cateau Cambresis (1559). Lo duc Carl Emanuel I ental 1620 n’en fai ‘na contea, donant-la a Bastian Valfred senhor de Castel Rainero. Dal Sèt cents, emè lo domini francés, arriben las invasions di rivolucionars. Ente l'Uech cents las inondacions del riu Colet pòrton mòrts e destrucions. Ental 1857 l’auta Val Gès deven Reserva Reala de chaça de Vittorio Emanuel II e residença estiva di Savòia, e aquò fai arprener l’economia locala, emè la construccion a Blanjier de la Casa del Rei, d’aquela de la princessa Joana, de maisons per lo personal, chapèla, cine, forn, glacièra. A las Termas venon realizaas decò la casa de la Bela Rosin e la casa de chaça al Valasc, e ent’lhi bòscs de mulatièras en pèira per far passar lo rei chaçaor a caval. Ben importantas per l’economia locala son estaas e son las Termas a 1370 m: ental 1857 sot Vittorio Emanuel II començon lhi trabalhs per l’estabiliment modèrn, en sostitucion d’aquelhi vielhs roinats. A la fin de la darriera Guerra Mondiala passon torna a la França lhi territòris al de lai des Alps, coma la ruaa de Molièras, agregaa a la comuna de Vaudier despuei lo 1861.
Ental 1995 es estat instituït lo Parc Natural des Alps Maritimas, que conta 26.000 ectars. Son importants decò la reserva naturala especiala juniperus phoenicea, per una colonia de chai fenìs, boisson maritim que viu aquì a l’autessa pus elevaa d’Italia, e lo projèct de lhi ans ’90 de reintroducion dal vòutaor, espalvier despareissut al principi del secle.
Sus l’aigavers emè la Val Estura, a 1305 m, se tròba lo Santuari de la Madòna del Colet del ‘600, important per la fè locala mas decò per la resistença partisana. La fracion mai popolaa de Vaudier es Endòn, emè la Chapèla de la Madòna des Gracias o Madòna del Gerbet (XIII sec.) que garda un fresc del 1500 de la Nativitat, las roinas d’una antica tor, lo Castlàs, adobraa ental XIII secle per avistar lhi enemìs, e una des pus bèlas rochas per rampinhar, ente es estat dubert lo premier 8c+ d'Italia; a Endòn se passa decò un di mai famós presepis vivents des valadas occitanas. Entre lhi museus, interessant l’Ecomusèu de la seèl a Blanjier e aquel de la necròpoli protostòrica a Vaudier.