Enti in rete L.482/99   

Valdieri - il gusto delle patate

Vaudier - lo gust di bòdis

Valdieri - il gusto delle patate
italiano La patata, risorsa primaria nell’alimentazione tradizionale delle Alpi occitane, arrivò sulle nostre montagne abbastanza tardi, verso la fine del Settecento. Il suo nome in occitano conosce diverse varianti: c’è chi la chiama trufa, chi tartifla, chi trifola e diversissimo dagli altri è il nome bòdi in uso nelle valli Gesso e Stura.
Terra, altitudine, acqua, aria e clima fanno delle patate di montagna un prodotto molto apprezzato per il gusto, superiore alle patate di pianura. Nella cucina tradizionale delle Valli esse occupano un posto particolare: fritte in padella, lessate con la buccia per mantenerne il sapore, schiacciate in forma di purea e come ingrediente essenziale per vari tipi di gnocchi, raviolas, calhetas, donderets, tondirets, con il riso e con l’aioli, e persino come ingrediente di certe torte salate.
Più o meno simili sono gli attrezzi che si usano per preparare la terra alla semina e per raccogliere le patate quand’è stagione. Essi sono la zappa a due punte, il magau, importato sulle montagne occitane dalla Provenza, e l’originale picha o bichard che di punte ne ha una sola. In valle Gesso, a Valdieri, un artigiano ha realizzato una macchina per estrarre le patate dalla terra. L’attrezzo, applicato alle normali falciatrici da montagna, sostituisce il vecchio magau e permette l’estrazione meccanica delle patate. Ovviamente risparmiando tempo e fatica!
occitan La trífola, premiera ressorsa dins l’alimentacion tradicionala de las Valadas Occitanas, es arribaa sus nòstras montanhas pro tard, vèrs la fin dal Sèt Cent. En occitan se ditz en diferèntas manieras: lhi a qui la sòna trufa, qui tartifla, qui trífola, dal temp que en Val Ges e en Val d’Estura lhi dion bòdi.
Tèrra, altituda, aiga, aire e clima fan de lhi bòdis de montanha un produch ben apreciat per lo gust, melhor d’aquel de las trífolas de la plana. Dins la cusina tradicionala de las Valadas gardon un pòst particular: fricholeaas dins la paèla, broaas embe la plalha per ne’n gardar la sabor, esquichaas per la purea, o per far las raviòlas, las calhetas, lhi donderets, lhi tondirets, embe lo ris o l’aiòli, e fins per garnir cèrtas tortas salaas.
Particulars, e liats a la tradicion son decò lhi utís adobrats per aprestar lo terren quora chal semenar e culhir las trífolas a la justa sason: lo magau, una sapa a doas ponchas importaa dins las Valadas da la Provença, e la pica o bichard, embe una poncha soleta. En Val Ges, a Vaudier, un artisan a inventat una màquina per gavar lhi bòdis da la tèrra; montat sus una normala seaira, l’utís remplaça ben lo vielh magau e permet de gavar las trífolas mecanicament, e com aquò d’avançar un bèl pauc de temp e de fatiga!