Enti in rete L.482/99   

Pier Delfino Maritano spiega l’importanza delle strade - Valgioie

Pier Delfino Maritano ou spiégue l’impourtënsi dël vië'

Video e testi a cura di: Paola Vai

Pier Delfino Maritano spiega l’importanza delle strade - Valgioie
italiano Le carbonaie si facevano [a Valgioie], si facevano laddove era scomodo portare via la legna, verde, quindi più pesante e allora si faceva la carbonaia nel bosco ed è ancora visibile in tanti posti, guardando con attenzione, dove c’erano le piazzole, il pianerottolo dove venivano fatte le carbonaie. Però io, per fortuna, sono arrivato dopo quest’epoca, quando era già finita e non ne ho più viste, non ne ho più viste, ne ho sentito parlare eccetera, adesso c’è ancora qualcuno che le rifà così per bellezza. Anche perché la situazione della montagna è cambiata, sono state fatte tante strade. Una volta qui noi avevamo solo la strada vecchia, quella che passa da Ruata Gioana e va su, e anche di quella non mi ricordo, lo so perché la strada esiste ancora, in certi punti, era più che altro una mulattiera e quindi niente, con la strada nuova che hanno fatto più o meno nel 1930, carrozzabile, hanno anche avuto un certo sviluppo, proporzionato al paese, se il paese è piccolo, lo sviluppo è piccolo.
Però ha portato anche gente da Torino, che veniva qui in villeggiatura, che si è fatta la villa e quindi ha portato un po’ di lavoro, un po’ di benessere alla gente di Valgioie. Quindi quello che forse ci ha salvati è stata proprio la strada, perché per spostarsi ormai non si può più usare con il carro e l’asino o la gerla come facevano i nostri vecchi che partivano da qui per andare a fare le commissioni a Giaveno. Partivano con la gerla e ci mettevano un giorno per andare fino a Giaveno e tornare indietro, senza fermarsi perché... quindi era un già un viaggio, tanto più a portare giù la legna, come facevano una volta, la portavano con il carro e l’asino e la portavano anche a Torino o in periferia di Torino, però c’era da stare via due giorni, ad andare fino a Torino a quei tempi.
Adesso un discorso del genere, se non ci fossero state delle strade, Valgioie con tutte le sue borgate, che sono sette o otto, a partire dalla Sala, il Mulino fino ad arrivare alla Braida, più le prese, Prese di Rosa, Prese dei Rossi, la Bagagera, che sono anche sullo spartiacque verso Coazze, Selvaggio o verso la Valle di Susa, sarebbe completamente disabitato. Girando un po’ per la montagna ho visto che ci sono tantissime borgate, ormai crollate completamente, irriconoscibili, che sono un mucchio di pietre con le piante in mezzo e vederle così mi da tanta tristezza, e la causa principale è proprio quella di non aver fatto una strada.
Anche qui, quando hanno fatto la strada provinciale, la gente di Valgioie era quasi tutta contraria, pochissimi volevano la strada, e quei pochi, bisogna riconoscerlo, vedevano più lontano, anche perché allargandola e facendola completamente nuova, la strada non saliva più dritta direttamente dalla Ruata, ma faceva tante curve, quella che esiste ora e quindi andava a prendere tanta terra che all’epoca era coltivata.
La terra era preziosa, certe persone avrebbero preferito farsi tagliare un braccio piuttosto che cedere un metro di terra, purtroppo all’epoca la realtà, il sentire comune era quello. E poi a cosa serviva una strada nuova alla gente di Valgioie che nessuno aveva una macchina, nessuno aveva il camion, che nessuno aveva niente, bastava quella che già c’era. E invece è stato proprio quello che li ha salvati. Mi ricordo, l’ho sentito dire di certe persone che se solo avessero potuto, avrebbero lapidato mio nonno, lui che spingeva per fare questa cosa, ma è poi stato quello che, non immediatamente, ma è stato quello che ha salvato abbastanza.
Infatti adesso Valgioie è comunque abitato anche se è un comune un po’ sparso, non è concentrato come altri comuni, come può essere Giaveno, che ha il centro, il capoluogo, poi le altre borgate che si sviluppano tutt’attorno. Invece Valgioie si sviluppa sul lungo, un po’ più sparso e quindi dal punto di vista delle comunicazioni è più difficile arrivarci.
franco-provenzale

Ël charbounére i s’ fazioun, ël charbounére a s’ fazit andoua a i ére tën scòmout da pourté vië' ou bo paréi, vërt, couindi pi gréou e aloura a s’ fazit la charbounéra antou bo e é ancoura vizibil an tantissimi post si vun ou buque su malisia andoua i ére propi l’eiral, ou pianerottolo andoua a s’ fazit la charbounéra. Però mi séi ruvà, për fourtuna, apreù cl’épouca si, cant i ére gë finia e n’éi pa pi vizna, n’éi pa pi vizna, l’éi sentulou counté eccetera, vura i é ancoura queicun qu’a lou rifën paréi për blëssa. Anque perqué la situasioun dla mountanhi i cambià, an fase tënte vië'.
In vir béla si nouzaiti aioun mëc la vië' véi, calì qu’i pase dala Ruvà e anque ëd casì mi i m’ na scordou pa, i lou séi përqué la vië' é ancoura ezisténta, chérti toc, i ére pi que d’aoutou ina moulattiéra e couindi niénte, coun la vië' neuva que a l’an fala pi o méno dou milaneuouséntetranta, carousàbil, l’an anque avù in chért zvilup, proupoursiounà sémpe aou pais, que ou pais é chitou, lou svilup é chitou. Però an pourtà anque dë gënt ëd Turin qu’a mniziou si an vilejatura, qu’a l’an fase ina villa e couindi a pourtà anque in poc ëd travai, in po ëd benessere ala gën dou Gin. Niente, lon que forse a l’a salvanou a l’é propi sta la vië', përqué për tramiése ormai pòloun pa pi tramiéte coun i cartoun e in bouric o coun ou garbin coume a fazioun i nosti véi qu’a partioun da si andé fe ël coumisioun an Javën, i partioun coun ou garbin e i butavoun in di andé fin an Javén e tourné andaré, sënsa frëmése përqué... coiundi i ére ge in viage, tanto pi anque a pourté ju ou bo coume a fazioun in vir a lou pourtàvoun coun lou cartoun e ou bouric e a lou pourtavoun anque a Turin o ntlë periferie ëd Turin, però i ére da ste via doi di, andé fin a Turin a quei tempi.
Vura in discours dël géner se a sis pa ël vië' Vougin ou l’arìe fàit coun tute ël seu bourjà qu’a soun sét ou eut a parti dala Sala, Mulin, ruvé fin ala Braida, pi ël préze, Préze ‘d Roza, Préze di Rous, Préze da Bagagéri, queliquë soun anque slë spartiacque vers Couase, vers ou Selvajou o vers la Val Susa a sërioun completamént dizabità. Mi girënt paréi in po an mountanhi l’èi vist que a i é tëntissime bourjà, ourmai croulà coumpletamént, irricounoushìbil qu’a soun mëc pi in baroun ëd roc coun ël piënte qu’a soun an mes e son a m’ porte tënta tristëssa vérle e la caouza princhipal a l’é propi calì que a l’an pa fàit la vië'. Bèla si cant a l’an fàit ca vië' si, la prouvinchal, ël gën ‘d Vougin a i érou tui, cazi tui countrari, poquissimi a vourioun la vië', qui poqui a vanta recounhési qu’a schairavou pi lounc, anque perqué la vië' slarguendla, fazéndla coumpletamént neuva, i pasave pa pi dret a rosta diretamént dala Ruà a mni moun, ma i fazit tënte curve, calì qu’i é ezisténte vura e coiundi i andazit a pié tënta téra que antloura i ére coultivà. La téra i ére presiouza, chérta gen a preferisou fése taié in bra que in méter ëd téra antloura la realtà purtrop a i ére, ou sentire cumun a i ére calì. E peui coza i servit ina vië' al gën que panhun a l’avì la maquina, que panhun a l’avì in camion, que panhun l’avi niénte, a i bastave calì qu’i i ére. E invéche a l’é sta propi lon que a l’a salvali. I m’na scordou, éi santulou di, ëd chérte persoune que coun moun nonou avesou poulù ou lou lapidavou, que ou pousave për fe sa coza si, ma a l’é sta peui lon que, pa imediatemént, ma i é sta lon qu’a l’a ranjalou bastansa. Infatti vura Vougin ou i é comouncoue abità anque s’a l’é in cumun in po spatarà, l’é pa counchentrà coume d’eiti cumun, coume a pol esi Javën que a ou chéntro, capoluogo, peui i aite bourjà tute anvirënt que a s’ digradoun paréi. Inveche ou Gin ou i é butà in po pi suou lounc, in po pi spatarà e couindi comunicativamént a l’é in po difìchil d’arivéi.