Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Daniele Dalmasso "Linhas de temp"

Berlan

Berlan

"Linhas de temp", Linee di tempo - Raccolta di poesie in lingua occitana, di Daniele Dalmasso

italiano

Sono arrivati in quattro, giocatori di Berlan

Una sera tutta nera son giunti piano piano

La giacca sulla spalla, la cicca nella mano

Si ritrovano all’osteria per farsi ancora una partita

Sono arrivati in quattro, solo uno vincerà

Hanno facce da galera, solo uno riderà

Comincia la sfida, il tavolo tremerà

Si guardano e si riguardano, il diavolo li serberà

Dentro le tasche dormono quatto coltelli ben affilati

Che al primo malinteso son pronti per essere levati

Son quattro maledetti, sono tutti e quattro seduti

Dentro un fumo denso, sembrano dannati

Lo sguardo tagliente dei quattro si mescola col vino

Che versa dalle bottiglie la notte di San Martino

Sono quattro cavalieri partiti di buon mattino

Venuti da un altro mondo all’ultimo festino

Sono quattro e sono una banda, soli davanti al bancone

Tutto il paese trema, trincerato nelle case

E’ arrivato presto il tempo dei quattro infami

Che di tutte le montagne sono la maledizione

occitan

Son arribats en quatre, juaires de Berlan

Na sera tota niera son arribats plan plan

La jaca sus l’espatla, la chica dins la man

Se tròbon dedins l’òste per far-se encà na man

Son arribats en quatre, masque un al ganharè

An morres da galèra, masque un al grinharè

Comença la desfida, lo taul tramolarè

Se gardon e se regardon, lo diaul lhi gardarè

Dins las sacòchas duermen quatre cotèls ben molats

Que a la premiera fauta son prompts pr’èsser levats

Son quatre diaulèris, son tuchi e quatre assetats

Dedins na tubassiera, pareis que son damnats

L’esgard talhent di quatre se mèscla abo lo vin

Que vèrsa dai botelhas la nuech de Sant Martin

Son quatre cavaliers partits de bòn matin

Venguts da n’autre mond a lo darrier festin

Son quatre e son na banda, solets derant lo bancon

Tot lo país tramòla, barrat dins las maisons

Es arribat de bon’ora lo temp di quatre marçons

Que de totas las montanhas son la malediccion