Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Daniele Dalmasso "Linhas de temp"

Donna

Frëmma

"Linhas de temp", Linee di tempo - Raccolta di poesie in lingua occitana, di Daniele Dalmasso

italiano

Per anni senza dir parola, angelo del focolare

Occhi abbassati a cercar la terra

Madre come te e perciò compatita

Tu, fucina di uomini e di altre donne come te

Vita che dai la vita, generatrice di storie nuove

Di nuove combinazioni su questo foglio d’universo mai finito di scrivere

Hai alzato la testa!

A volte ti è costato caro spiegare a l'uomo, tuo stesso figlio,

Che proteggere non è negare la tua esistenza

Ma tu sei forte dentro, anche così, esile come appari

Le tue lacrime pietose, per tutte le cose del mondo

Sono il segnale di una sensibilità superiore,

Un vedere differente, capace di sentire le tenui vibrazioni dell'anima

Difficili da comprendere per noialtri uomini

Due pianeti diversi,

Che tuttavia, per fortuna, non smetteranno mai di cercarsi

occitan

Për d'agn sënsa dî paròla, ange d'la fougagna

Uèi bassà a sërcâ la tèrra

Mâre ‘ma ti e për lo coumpatia

Ti, forja d'œmi e d'autre frëmme 'ma ti

Vita que donës la vita, coungreatris d’ëstorie nœve

Dë nœve coumbinasioun su d’ëstou fuèi d'univèrs mai finì d'ëscrive

As aussà lou mourre!

Dë vire la t’à coustà char, fâ capî a l'ome, to fî,

Que proutëgî l'é pa negâ toua esistënsa

Mas ti sœs forta dëdins, dëcò parèi, fina ‘ma parësses

I tue larme pietouse, për toute le cose dal mount

Soun lou sëgnal d’un sëntî souran,

Un veire difërënt, bon a cuî le pi ciote vibrasioun dë l'anma

Mal fâ a capî për nouseiti œmi

Dui pianeta divèrs,

Que toutun, për bonœr, quitaran mai dë sërcâ-se