Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Pietro Antonio Bruna Rosso - Poesie

I montanari

Lhi montanhards

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)

I montanari
italiano

Siamo montanari, ci chiamano vitun

I caproni dei duemila.

Calziamo grossi scarponi.

Con i denti consumati

rosicchiamo le croste

del pane duro come la roccia

quando diventiamo sdentati

nostro signore che non è scemo

ci allarga il collo

e le croste vanno giù così.

Siamo gente dalle spalle quadre

gente di qualità

sappiamo fare un po’ di tutto

senza aver imparato niente:

falegnami, calzolai, arrotini, lattonieri,

muratori, pettinatori di canapa e di capelli,

parliamo un dialetto

degno di rispetto,

ailà amont, ailà aval, chappuei, chapval

che parlare fine!

Ma nessuno ci capisce

oh che peccato!

E noi altri

capiamo tutti gli altri.

occitan

Siem montanhards, nos chamon vitons

Lhi chabrons di duimila.

Siem chauçats de gròs escarpons.

Abo las dents amolaas

rosiguem lhi corchons

dal pan dur coma la ròcha

quora venem esdentats

nòstre senhor que es pas fòl

nos eslarja lo còl

e lhi corchons van jus parelh.

Siem gent d’espatlas quadras

gent de qualitat

sabem far un pauc de tot

sensa aver emparat nhente:

mèstres da bòsc, caliers, amoletas, toliers,

muradors, brustiares de charbo e chabelhs,

parlem un dialect

denh de respect,

ailà amont, ailà aval, chappuei, chapval

que parlar fin!

Mas degun nos capissen pas

oh que darmatge!

E nosautri

capiem tuchi lhi autri.