Enti in rete L.482/99   

Alleluia

Allelóia

poesia di Costanzo Rey - Crissolo, Valle Po

Alleluia
italiano

Mi hai raccolto nella tua mano calda

più del pane sfornato

quando sul colle soffiava una tormenta tagliente

e delicatamente mi hai posato nel nido.

Mi hai raccolto ancora caldo d’amore

e quando sulla montagna urla la tormenta, è festa:

ho tracciato il tuo nome sulla neve,

ho scolpito il tuo viso nel ghiaccio,

ho acceso un lume nella borgata!

Ti ho raccolta prima dei diciotto Natali, fiorellino.

Ti ho raccolta con un lampo di luce negli occhi.

Ti ho raccolta tra le felci dei boschi

Ti ho raccolta sola sulle strade di Torino

Ti ho raccolta e ti ho riposta sull’altare dei sentimenti.

Nascondi e ....festa

fin che il sole fonde di nuovo la neve

occitan

M’as culhit dins ta man chauda

mai que lo pan esforneat

quora sal còl tirava una bisa talhenta

e degra m’as pausat dins lo ni.

M’as culhit encara chaud d’amor

e alora quora sus la montanha

brama la tormenta, es fèsta:

ai escarabochat ton nom sus la neu,

ai marcat ton morre dins lo glaç,

ai viscat un lume a la ruaa!

T’ai culhia denant di detz-uechs Natals, floreta.

T’ai culhia em’un esluçi de clar dins lhi ulhs.

T’ai culhia entre las bertiolas di bòscs.

T’ai culhia soleta sus las vias de Turin

T’ai culhia e t’ai pausaa sus l’autal

di sentiments.

Estrema e ...fèsta

tant que lo solelh fond pas mai la neu.