Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Valli di Lanzo

Biodiversità Valli di Lanzo - Il Gipeto. Sparizione e reintroduzione

Lou Gipeto. Spërisioun é reintrodusioun.

a cura di Chambra d'Oc, traduzione di di Teresa Geninatti Chiolero, Video intervista a fondo pagina

italiano

I gipeti erano noti già ai Romani, che li chiamavano “ossifraga”, che significa “coloro che rompono le ossa”. Infatti è un uccello necrofago che si nutre per lo più delle ossa di carogne e per quello è quindi lo “spazzino delle Alpi”

È più grande dell’aquila reale e anche la sua coda è più lunga: in effetti è l’uccello più grande delle Alpi e di tutta l’Europa. Pur appartenendo alla famiglia degli avvoltoi, non è sgradevole di aspetto: è coperto da un folto piumaggio, attorno agli occhi ha un vistoso anello rosso e ai lati del becco ha piume nere simili a una barba. Proprio da qui deriva il suo nome comune, “avvoltoio barbuto”.

Poiché si nutre quasi esclusivamente di ossa, è uno dei pochi uccelli ad avere uno stomaco capace di digerire le ossa. Quindi non deve mai competere con nessuno per il cibo: di solito gli basta aspettare fino a quando di un camoscio morto o di un cervo non rimangono altro che le ossa. Ma come fa a ingoiarle? Quelle che sono più corte di trenta centimetri vengono ingoiate intere, mentre quelle più grandi le afferra con gli artigli e le porta via in volo fino a 50-100 metri di altezza e poi le lascia cadere su una lastra di pietra così che, una volta frantumate possano essere inghiottite.

Formata la coppia, legata per il resto della vita, in autunno inizia la preparazione del nido, nel quale verranno deposte, fra gennaio e febbraio, generalmente 2 uova. La cova che dura 55-60 giorni, inizia immediatamente dopo la deposizione del primo uovo, e la schiusa avviene a marzo, proprio quando c'è maggiore disponibilità di cibo, in quanto iniziano a comparire le prime carcasse di ungulati morti sotto le valanghe. 

Proprio la caratteristica di imbottire, con pelli di animali morti, il proprio nido pere tenere così le uova al caldo, è stata la ragione della sua distruzione. Infatti quando le trasporta in volo le pelli verso il nido può sembrare che abbia appena predato del bestiame al pascolo. Nei secoli scorsi tale leggenda ha fatto sì che questo uccello divenisse oggetto di una massiccia persecuzione, anche perché molto ambito come trofeo di caccia e imbalsamato. Numerose leggende circolavano, facendo crescere la sua brutta fama: si diceva che cacciasse gli agnelli e rapisse i bambini piccoli. Tutte queste storie, non vere, hanno portato alla sua eliminazione totale dalle Alpi. Ma grazie a un progetto di reinserimento, oggi ne vivono circa 200 coppie tra la Svizzera, Italia, Francia e Austria.

franco-provenzale

Li gipeti ou i erount geu cunhësù da li Roumeun, cou li chamavount “ossifraga”, qu’è veut dì “si cou routount lh’os”. Difati ou i ëst n’ouzel necrofago, cou minget për lou più os ëd caronhë é për seun ou i ëst lou “spasin dlëz’Alp”.

Ou i ëst più grant ëd n’aguia real é ëd co la soua coua è i ëst più loungi: efetivameunt ou i ëst l’ouzel più grant ëd lëz’Alp é ëd touta l’Eouropa. Anquë sé ou fait part ëd la famìi ëd lh’avoultoi ou i ëst nhint brut da vese: ou i ëst cuert da ‘në speus piumajou, ëntoueurn a lh’ueui ou i eu ën vistous anel rous é a li queuntoun doou bec ou i eu ëd piume neirë qu’ è zmiët ‘na barba. Da seun è derivët lou soun noum coumun “avoultoi barbouto”.

Daou moumeunt quë ou mingët cazi ecluzivameunt os, ou i ëst un ëd li poqui ouzel ad avè ‘në stomi boun a digerili. Couindi ou deou mai coumpetri avé nhun për lou mingì: ëd solit è li bastët spetà fin a cant ën chamous mort o d’ën chervo è restët nhentë d’aoutrou que lh’os. M’ou faiti a travounleu? Seullë più coueurtë ëd treunta chentim ou vinhount mingìë ëntieurë, mëntrë seullë più grandë ou ‘l chapët to lh’ërtìi é ou ‘l portët ën vol fin a 50 – 100 mt d’aouteussi é pe ou lë lasët chei su ‘na pera, parei toutë route ou peuveount estri mingìë.

Fourmaia la coubia, unìi për tou’ lou rest ëd la vita, d’outoun ou euncaminount a fà lou nìi ëndoua fra gené é fre ou font generalmeunt dui eu. La couvada qu’è durët 55 – 60 dì, è euncaminët subit dopou la depouzisioun doou prum eu é la nashita è i ëst a mars, can’ qu’è i eu la più grosa dispounibilità ëd mingì, daou moumeunt quë ou coumpaiount ël prumë quërcasë ëd lh’oungoulà mort sout al valënguë.

Propi la carateristica d’eunfoudrà ëd pel ëd bestië mortë lou soun nìi për tinì, parei, lh’eu ëncoù più aou chaoud è t’istaia la razoun ëd la soua distrusioun. Difati can cou ‘l trasportët ën vol vers lou soun nì èzmiët que ou iaiaët apeina predà ëd bëstiam da li pascoul. Ënt li secoul pasà ‘sta legenda è i eu fait ën maneri que st’ouzel ou fusët persegouità, ma ëd co përqué gro deziderà coumë trofeo ëd casa é ëmbalsamà. Noumerouzë legendë ou chircoulavount, fazeunt creistri la soua bruta fama: è s’ dizet que ou casavët li brineut é ou rapisët afinha li manhà quitì. Toutë ‘stë storië, nhint verë, ou i ont pourtà a la soua eliminasioun toutal darz’Alp. Ma grasië an prougent ëd reinserimeunt, euncui ou vivount chirca 200 coubië tra Zvisra, Italia, Freunsi é Aoustria.