Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Valli di Lanzo

Biodiversità Valli di Lanzo - La legna da ardere. I ceppi sono tutti uguali?

Lou bosc da bruzì. Lou bosc da bruzì ou i ëst tout istes?

a cura di Chambra d'Oc, traduzione di di Teresa Geninatti Chiolero, Video intervista a fondo pagina

italiano

La legna da ardere per scaldarsi nei lunghi inverni alpini è tutta uguale? Bruciare un ceppo di betulla o uno di frassino o uno di faggio è la stessa cosa?

No, non è la stessa cosa. Infatti tradizionalmente si distingue tra legna dolce e legna forte. La legna dolce presenta notevoli vantaggi di accensione, ma per questa stessa ragione brucia più velocemente, sprigionando molto calore, quindi è perfetta per cucinare, ma non va bene per il riscaldamento domestico perché se ne consuma molta di più. La legna forte, con un peso superiore, brucia molto più lentamente, quindi con una durata maggiore, con fiamme corte ed è quindi adatta al riscaldamento degli ambienti. In ogni caso perché la legna abbia un rendimento alto deve avere un basso tasso di umidità.

Per esempio, l’abete è un albero dolce, con molta resina, quindi poco adatto ad essere bruciato perché produce molto fumo e in più la gran quantità di resina fa sprigionare fiammelle pericolose. Mentre il pino, benché dolce, è un ottimo combustibile per mantenere sempre vive le fiamme. Inoltre le pigne possono assolvere alla funziona di “diavolina” naturale ma attenzione alle resine: queste infatti producono molto fumo e soprattutto potrebbero infiammarsi all’interno delle canne fumarie. Inoltre è necessario lasciare la legna esposta a pioggia e raggi solari per almeno un anno.

O ancora l’Ontano, brucia molto rapidamente, da utilizzare solo in fase di accensione o insieme alla legna di faggio o frassino.

La quercia presenta un legno compatto dalla combustione molto lenta e dalla fiamma corta, ideale per mantenere la combustione nel focolare a stufa ben avviata. Infine gli alberi da frutto, per esempio il ciliegio, ma anche il melo o il pero, sono legni duri, molto indicati perché scaldano è fanno pochi fumi.

Ecco che quindi a seconda delle necessità che si ha, è bene ricorrere ogni volta a legni diversi, non dimenticando mai che ogni fiamma ha il suo legno.

In ogni caso è valido il detto che dice la lagna scalda quattro volte: quando la tagli, quando la porti a casa, quando la tagli in ceppi e quando, finalmente, la metti nella stufa.

franco-provenzale

Lou bosc da bruzì për schaoudase ënt li lounc invern ëd mountanhi, ou i ëst tout istes? Bruzì ën tapoun ëd bioul o un ëd franhou o ëd foou è i ëst l’istesa choza?

No, è i ëst nhint l’istesa choza. Difati trëdisiounalmeunt è s’ diferensiët tra lou bosc dous é lou bosc du. Lou bosc dous ou i eu ëd vatajou për vischì lou fua, ma për st’istesa razoun ou bruzët più eumpresa, ou schaoudët ëd più, couindi ou vait bin për cuzinà, ma meno për schaoudà la queu përqué è n’eun vait gro ëd più. Lou bosc du, a to ën peis spechific più aout, ou bruzët ën po’ëd meno, a to fiamë cueurtë, ou fouzounët ëd più é couindi ou i ëst più adat a schaoudà lh’ëmbient. Ën onhi cazou përqué lou bosc ou iaiët ën boun rendimeunt ou deout estri seuch é couindi a to poca umidità.

Për ezempi lou maleujjou, a to gro d’alarzi, ou i ëst vairou adat a estri bruzìa përquè ou fait gro ëd fum é la larzi è fait fà ërzë spluvë. Mentre lou pin, belë sé dous, ou i ëst boun për fà fua é tinì viva la fiama. Ën più ël pinhë ou peuvount estri drouvaië da «diaoulina» naturala ma è ventët fa tensioun a la larzi: parei m’e geu dit, sitta è fait fum é, più ëd tout, è fait suschi ënt lë canë ëd li fumèe: qu’è peut pìi fua. Ën più lou bosc ëd pin è ventët lasìlou a la piogi é aou soulei për almeno n’an.

O ëncoù lou bosc ëd verna: ou bruzët ën presa, da drouà meuc për vischì o eunsèmbiou aou bosc ëd foou o ëd franhou.

Co lou rou ou i ëst ën bosc du, da la coumbustioun lenta é da la fiama cueurta, ideal për meuntinì lou fua é lou chaoud coustant. Lh’arbou da fruita, për ezempi lou sirì, ma ëd co lou poumé é lou parée, ou sount ëd bosc du, gro ëndicà përqué ou schaoudount é ou font poqui fum.

Ecco couindi, a secoundou ëd la nechesità qu’è s’eu, è ventët druvà tui’ li vì ëd bosc divers é è s’ peu dise que onhi bosc ou i eu soua fiama.

Ën tui’ li cazou è i ëst sempër valid lou dit quë lou bosc ou schaoudet cat vì: can cou s’ taiët, can cou s’ portët a queu, can cou s’ taiët a tapoun é can que, finalmeunt, ou s’ butët ënt la stuva.