Portal d’Occitània    Musica e canti d'occitània

invia mail   print document in pdf format

Il balordo

La lingiera

parole:Costanzo Mattalia – musica: M. Anghilante

Gruppo "Lhi sonaires"

Il balordo
italiano Avevo una ragazza sulle montagne della Valle Maira / una bella pastora che pascolava un gregge / Ma un giorno che pioveva un fulmine me l’ha uccisa / Io ho pianto, ho urlato, sono scappato via

Io ero un uomo che lavorava / io ero un uomo innamorato

Un po’ di tempo dopo sono diventato un balordo
un balordo d’amore, che fa l’amore con la barbera (vino)
E poi canta una canzone, una canzone che ha il suono amaro
nella mia bocca piena di vino, ma non importa, io canto ancora

Sono il balordo del mio paese
ho molti amici nelle osterie della valle
Quando ho sonno dormo qui
dormo qui, dormo sulla paglia

Questa notte ho fatto un sogno, ho sognato d’essere importante
d’essere qualcuno, facevo l’amore con la mia pastora
Mi sono svegliato troppo presto, la coda della vacca pezzata
sulla mia faccia, nella stalla corre il liquame

Sono il balordo ...

Mi sono alzato, sono uscito, ho urlato la disperazione
che avevo nel cuore, mi sono avviato per una strada che saliva
Lassù in un prato, dove vi erano molte croci
inginocchiato ho pregato , preghiera di balordo

Sono il balordo ...

La gente m’ha trovato il mattino dopo gelato
Abbracciato ad una croce e ha piantato un’altra croce
Avio ‘na calinhaira s’las montanhas d’la Val Maira
‘na jòlia pastora gardava ‘na vachaira
Ma un jorn que plovia un tròn me l’a massaa
Mi ai plorat, ai bramat, siu ‘scapat via

Mi ero un òme que trabalhava
Mi ero un òme enamorat

Un pauc de temps apres siu vengut ‘na lingiera
‘na lingiera d’amor, que fai l’amor ‘bó la barbera
E pei chanta ‘na chançon, ‘na chançon que sòna amara
Dins ma gola plena d’ vin, fai pas ren, mi chanto encara

Siu la lingiera de mon país
ai un pauc d’amis dins lhi òstes d’la valada
E quora ai sònh mi duermo aicí
mi duermo aicí, duermo sus la palhada

Sta nuech ai fach un sumi, ai sumiat d’èsser emportant
d’èsser quarcuni, fasio l’amor ‘bo ma bergera
En siu revelhat tròp bonora, lo penas d’la vacha jaia
sus mon morre en la vòuta lo borri corre

Siu la lingiera ………

En siu levat, siu anat fòra, ai bramat la desperacion
qu’avio ental còr, ai pilhat ‘na via que vai amont
Amont de dins un prat, ent’i avia un pauc de cros
enjanolhat ai pricat, priera d’ lingiera

Siu la lingiera ………

La gent m’a trobat lo matin d’apres jalat
A ‘na crotz embraçat n’autra crotz an plantat