Portal Francoprovensal    Cammino: Lou Tsamin Francoprovensal

Susa - 24/07/2010

Susa - 24/07/2010

Susa - 24/07/2010
italiano Ultimo giorno. Ultima tappa. Con un velo di tristezza, quello che ti copre gli occhi e ammanta il cuore alla fine delle avventure, mescolato alla gioia di ritornare e poter raccontare, anche questa mattina ci prepariamo per partire.
Da Margone prendiamo il sentiero, la vecchia decauville, in direzione del lago di Malciaussia. So cosa mi aspetta. Dopo un inizio piacevole, ci si arrampica fino al colle della Croce. Poi attraverseremo in quota fino all'Alpe Arcella e poi raggiungeremo il Truc di Mompantero. Da qui un'occhiata al panorama spettacolare sulla Val di Susa e discesa fino in città per chiudere l'anello.
Non mi spavento! Vorrà dire che andrò piano piano e così avrò più tempo per pensare...
Non è ancora tempo di bilanci, considerazioni. Non è ancora il tempo per parlare, dopo aver molto ascoltato e molto domandato, ora è il tempo di pensare per far sedimentare, così da non perderla, la ricchezza che in questo lungo viaggio mi è stata regalata.
Ho davanti agli occhi le immagini, vive e colorate, di panorami, delle persone incontrate lungo la strada; nelle orecchie risuonano parole, storie di lingue e di vita. Non riesco a concentrarmi su nulla, i pensieri volano come nuvole trasportate dal vento.
Così penso al nostro viaggio in montagna, a cosa significava per i miei nonni "montagni" "alà eun mountagni" e cosa significhi oggi, ai lunghi discorsi con Alexis Bétemps, cosa si è conservato e cosa è stato lavato via dalla modernità.
Un tempo con la sola parola "montagna" si indicava la casa d'alpeggio, le stalle, l'insieme dei pascoli. Alà eun mountagni voleva dire salire all'alpeggio, lavorare all'alpeggio e ben poco c'era di riposante e rilassante. Solo da una quarantina d'anni a questa parte il significato è stato stravolto, assumendone uno tutto nuovo: quello di dedicarsi a un'escursione, scalare una vetta per trarne godimento. Ancora oggi per mia nonna l'idea di passeggiata in montagna è un concetto difficile da capire. Lei, se non avesse avuto delle cose da fare non sarebbe certo andata su e giù a vuoto così...per loro c'è sempre qualcosa da fare.
Penso spesso a lei che sugli stessi percorsi, con carichi da trenta quaranta chili, faceva su e giù numerose volte al giorno. E mi vergogno per la mia fatica senza scopo e sento di aver perso qualcosa.
Aspettando la tappa di domani, vorrei lasciare una bella canzone di Mompantero, "Li Sounalhé", presentata quest'inverno durante il cammino nel canto popolare delle melodie francoprovenzali "Tsant'an tsamin".
Aléguer a eummeun.
Li sounalhé
Cant li grivoueut modoun fora,
de fora l'aria fretsa, toute le dzan
coroun an presa, 
a sinora sounalhé
Vintehinqu'ian soun livro
Sesanta lhe pà acòrra,
lou boun que vait icòrra, abèira Sounalhé.
franco-provenzale Ultim dì. Ultima tapa. A to eun vél eud meulicounìi seulla quë creuvë lh'uveui é lou queur a la fin eud lë z'aveunturë, meuschia a la gioi eud tournà è pouè countà, cô si matin nou prountèn a peurtì.
Da Meurgoun pièn la vìi decauville, eun dirésioun doou lac Marcheuousia: sai coze quë mé spéteut. Dopo n'inisi treuncouil eunqueuminèn a reumpià fin aou Col dla Creus. Treuveursèn fin a l'alp Arcella peur aruvà aou Truc eud Moumpeunté. D'éisì n'uchada dou panorama dla Val eud Susa é dishéza fin eun sità, peur sérà l'anèl doou "tsamin".
Sto gir ou meu sbarueut nhint! È veut dì quë j'alèn pieun pieun é parèi j'ai eud cô piu tèn a peunsà...è i eust euncoù nhint tèn eud fâ li count, eud cunsidérasioun. È i eust euncoù nhint lou tèn peur deuscoueuri, dopo avè grô scoutà é chamà, oura è i eust lou tèn eud pénsà é fâ sédiméntà, eun manéri da nhint pérdri, la riqueussi quë eun teustou lounc viajou ou meu rigalà.
J'ai deudvant a lh'uveui eul vizioun, vivë é couleuraië, eud peunouram, eud peursounë euncountraië pla vìi é eunt lë z'ourèië eul parolë, storië eud lènguë é eud vita.
Rièsou nhint a counchéntramë su nhèntëm parèi pénsou aou nostrou vijou tra stë mountanhë, a coza ou sinhificavount peur li min nonou eul mountanhi é alà eun mountanhi é seun quë veut dì euncui, a li lounc deuscoueurs avè Alexis Bétemps, coza è s'è counsérvà é coza eunvéché è i eust istà lavà via da la moudérnità.
Eun tèn la parola mountanhi è sinhificaveut la queu eud l'alp, li bèou, li pra é la peustura. Alà eun mountanhi è vouleut dì mountà a l'alp treuvaìi a l'alp é bin poc è i avèt eud rilasant. Meuc da ‘na caratéina d'an lou sinhificato eud sta parola out istà coumpleutameunt queumbià a to un tout neu é mai counheusù da li nostri vieui: sèl d'alà a spas, d'alà a fâ n'éscursioun o n'euscalada peur lou propi piazì. Euncou euncui peur mia nona ‘na pasigiada eun mountnhi è i eust ‘na choza eun po maladoueurna da capì. Quieulla, sé ièousë nhint avù eud chozë da fâ, è srit nhint alaia su é ju a voit, peur leu è i eu sémpeur carcoza da fâ.
Pénsou souveunt a quieulla quë su li stès peurcoueurs, a to caric da trenta carata quilou, è fazèt su é ju magara divérsi vì aou dì: é aleura eum vérgonhou peur la mia fatiga sénsa scopo, meuc peur piasì é eum sintou d'avè peurdù queurcoza.
A la fin doou gir cou lasou ‘na bèla cheunsoun eun Meumpeunté , "Li Sounalhé" prézéntaia st'invèrn eun la queuminada doou cant popoular eun lë méloudië francoprouveunsal ""Tsant'an tsamin" quë eumpizeurit quë tuiti ou chantàsout eun teustou dì d'alégria.
Aléguer a n'aoutou vì.
Li sounalhé
Cant li grivoueut modoun fora,
de fora l'aria fretsa, toute le dzan
coroun an presa, 
a sinora sounalhé
Vintehinqu'ian soun livro
Sesanta lhe pà acòrra,
lou boun que vait icòrra, abèira Sounalhé.