Il Santo Vangelo di Gesù Cristo nel patois di Rochemolles

-Vangelo secondo Matteo

Strage degli innocenti (II, 16-18)

Allora Erode, vedendosi beffato dai magi, si adirò moltissimo, e mandò a uccidere tutti i maschi che erano in Betlemme e in tutto il suo territorio dall’età di due anni in giù, secondo il tempo del quale si era esattamente informato dai magi.

Allora si adempì quello che era stato detto per bocca del profeta Geremia:

Un grido si è udito in Rama, un pianto e un lamento grande: Rachele piange i suoi figli e rifiuta di essere consolata, perché non sono più”.

‘l Sen-t-Evanjîl d’ Jşù Crî tradzuì dzin ‘l patouê d’ Archamoura

Evanjîl slon Sen Matzieû

Erode o fe tzua lou pchis (II, 16-18)

Aloûr Erode, in aghen agiù în delusioùn do Réi, o s’ é touplèn inmarisiă è o l’ ă ourdouńă d’ tzua tou lou pchis k éran a Betlemme è dzin l’-ş-inviroun, do doû an in avà, slon ‘l ten k o l’ avie coumpré do Réi. 

Aloûr la s’ é averă s k ér ită anounsă do profeta Geremia, can-t-o l’ ă dzì: 

“La s’ é ovì in cri d’ Rama, in plourâ, d’ jumgliâ: Rakele e ploûr sou bos è e l’ă vougiù és counsoură, parmòou k e l’-ş-ă pâ-mai.” 

...