Enti in rete L.482/99   

Poesie e musica - Masino Anghilante

Natale

Natal

di Masino Anghilante

Natale
italiano Cammino per una strada di periferia
la notte è fredda e scende molta neve
da un bar mi giunge il suono di una chitarra
ventiquattro dicembre, vigilia di Natale
Davanti a una vetrina piena di luci
c’è un bambino che guarda tante cose belle
è vestito male, trema dal freddo
mi fermo, lui mi guarda e mi dice così:
Io sono Gesù Bambino del cielo
sto cercando i poveri come me
voglio fare contenti quelli che non hanno mai niente
porto parole adesso dimenticate:
la pace, l’amore e l’onestà
solo questo salverà l’umanità
Dico di cuore a tutti “un Natale bello”
io sono Gesù Bambino del cielo
Finito il canto il bambino è solo più un’ombra
il freddo, la notte, la neve mi porta via
ritorno verso casa mia in periferia
ventiquattro dicembre, vigilia di Natale
vicino a me ora è tutto silenzio
ripenso ancora a quel bambino
e davanti ad una cappelletta mi viene voglia
ripetere quel motivo sentito prima
Io sono Gesù Bambino del cielo.....
occitan Chamino per na via fòra man
la nuech ilh es freida e cala un pauc de neu
da n'òste m'arriba lo son de na guitara
desembre vint-e-quatre, vigília dal Natal.
De derant de na juièra plena d'clars
lhi a un filhet que bòuca un pauc de còsas bèlas
es mal vestit, tramòla da la freid
me fermo, ele me bòuca e me ditz parelh:

Mi siu Jesú Bambin dal cèl
vau via cerchant lhi paures coma mi
vuelh far contents aquelhi qu'an jamai ren
pòrto paròlas aüra desmentiaas:
la patz, l'amor e un pauc de onestat
mec aquò salvarè l'umanitat;
dio de còr an tuchi "un Natal bèl"
mi siu Jesú Bambin dal cèl
Fenit lo chant lo filhet es mec pus n'ombra
la freid, la nuech, la neu me pòrta via
retorno vèrs mia casa fòra man
desembre vint-e-quatre, vigília dal Natal.
Da pè de mi aüra es já tot quiet
vau repensant encara an aquel filhet
e derant a un pilonet me vien la vuelha,
repéter aquel'aire derant sentua:

Mi siu Jesú Bambin dal cèl...