Enti in rete L.482/99   

Val Vermenanha - La dança dei toponims

Un rave tradizionale

Un "rave" tradicional

Roccavione – Val Vermenagna

Un rave tradizionale
italiano Piero abita a Roccavione, ha poco più di vent'anni e da qualche tempo si occupa di musica tradizionale e non solo.
Ha iniziato ascoltando curenta e balet nei festin di Roccavione, poi si è avvicinato alla musica occitana con Sergio Berardo e per tre anni ha seguito un corso di semitoun. In seguito si è dato alle percussioni con cui ha inciso un disco con il gruppo occitano i Ramà. Oggi ha fondato un gruppo sperimentale, chiamato Traffic Light Orchestra.
Piero è sempre stato un attento osservatore e ascoltatore. Si ricorda con viva lucidità i festins di Roccavione, in particolare quello di San Magno dove i suonatori, uno alla fisarmonica e l'altro al clarinetto, erano capaci di suonare anche per tre ore di fila, magari una piccola pausa e poi via con un'altra corenta.
Le notti trascorrevano con danze, musiche e buon vino, gli infaticabili ballerini venivano accompagnati dai suonatori in passi e giravolte vorticose, senza mai fermarsi. Piero con simpatia paragona i festin di una volta ai rave party di oggi, chiamandoli “rave dei nostri vecchi”. Oggi c'è la techno, una volta c'era la corenta e il balet ad infiammare i ballerini. Poco è cambiato ma i festins sopravvivono tuttora e al prossimo San Magno Piero ci sarà, magari come suonatore.
occitan Piero ista a Rocavion, es un filh d'un pauc mai de vint ans e despuei qualque temp s'ocupa de musica tradicionala, e pas masque.
A començat en escotant corentas e balets ai festins dal país, puei s'es avesinat a la música occitana embe Sergio Berardo e per tres ans a seguit un cors de semiton. Es puei passat a las percussions e a decò enregistrat un disc embe lo grop La Ramà. Da gaire a fondar un grop experimental sonat Traffic Light Orchestra. Da sempre atent observator e escotaire, Piero se recòrda ben lhi festins de Rocavion, en particular aquel de Sant Manh, ente lhi sonadors, embe armòni e clarin, eron bòn a sonar decò per tres oras de fila, just una pichòta pausa e puei anant embe un'autra corenta.
Las nuechs passavon entre música, danças e vin bòn, lhi infatigables balarins venion acompanhats dai sonadors dins passets e virar enlordants, sens jamai se fermar.
Piero paragona simpaticament lhi festins d'un bòt ai rave party d'encuei, lhi sonants "lhi raves di nòstri vielhs". Coma encuei lhi a la techno, un bòt lhi avia corenta e balet a enflamar lhi balarins. Pas gaire es chambiat, e al Sant Manh que ven Piero lhi serè, benlèu coma sonador.

Un rave tradizionale

Un "rave" tradicional

Roccavione – Val Vermenagna

Un rave tradizionale
italiano Piero abita a Roccavione, ha poco più di vent'anni e da qualche tempo si occupa di musica tradizionale e non solo.
Ha iniziato ascoltando curenta e balet nei festin di Roccavione, poi si è avvicinato alla musica occitana con Sergio Berardo e per tre anni ha seguito un corso di semitoun. In seguito si è dato alle percussioni con cui ha inciso un disco con il gruppo occitano i Ramà. Oggi ha fondato un gruppo sperimentale, chiamato Traffic Light Orchestra.
Piero è sempre stato un attento osservatore e ascoltatore. Si ricorda con viva lucidità i festins di Roccavione, in particolare quello di San Magno dove i suonatori, uno alla fisarmonica e l'altro al clarinetto, erano capaci di suonare anche per tre ore di fila, magari una piccola pausa e poi via con un'altra corenta.
Le notti trascorrevano con danze, musiche e buon vino, gli infaticabili ballerini venivano accompagnati dai suonatori in passi e giravolte vorticose, senza mai fermarsi. Piero con simpatia paragona i festin di una volta ai rave party di oggi, chiamandoli “rave dei nostri vecchi”. Oggi c'è la techno, una volta c'era la corenta e il balet ad infiammare i ballerini. Poco è cambiato ma i festins sopravvivono tuttora e al prossimo San Magno Piero ci sarà, magari come suonatore.
occitan Piero ista a Rocavion, es un filh d'un pauc mai de vint ans e despuei qualque temp s'ocupa de musica tradicionala, e pas masque.
A començat en escotant corentas e balets ai festins dal país, puei s'es avesinat a la música occitana embe Sergio Berardo e per tres ans a seguit un cors de semiton. Es puei passat a las percussions e a decò enregistrat un disc embe lo grop La Ramà. Da gaire a fondar un grop experimental sonat Traffic Light Orchestra. Da sempre atent observator e escotaire, Piero se recòrda ben lhi festins de Rocavion, en particular aquel de Sant Manh, ente lhi sonadors, embe armòni e clarin, eron bòn a sonar decò per tres oras de fila, just una pichòta pausa e puei anant embe un'autra corenta.
Las nuechs passavon entre música, danças e vin bòn, lhi infatigables balarins venion acompanhats dai sonadors dins passets e virar enlordants, sens jamai se fermar.
Piero paragona simpaticament lhi festins d'un bòt ai rave party d'encuei, lhi sonants "lhi raves di nòstri vielhs". Coma encuei lhi a la techno, un bòt lhi avia corenta e balet a enflamar lhi balarins. Pas gaire es chambiat, e al Sant Manh que ven Piero lhi serè, benlèu coma sonador.