Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2015

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.142 Febrier 2015

Francesco Pautasso e il francoprovenzale di Mocchie e di Laietto

Francesco Pautasso e lo francoprovansal de Motse e do Lieut

di Matteo Ghiotto

Francesco Pautasso e il francoprovenzale di Mocchie e di Laietto
italiano

Ricordo ancora quando Enzo Vayr, entrando al Ce.S.Do.Me.O. di Giaglione nell’ottobre del 2013, mi annunciò la prima edizione di un dizionario dell’area di Pratobotrile e di Laietto, nel comune di Condove. L’interesse fu tale che non esitammo nemmeno un istante a metterci in contatto con l’autore così come ad avere un esemplare di quel volume. Nel giro di pochi giorni organizzammo un incontro con Francesco Pautasso (Tchiquìn d Felicina come si firma nella premessa) il quale si presentò con il suo “Spalufrì, m’ign, soufràm. Divagazioni sul patois di Laietto” (settembre 2013). Per noi fu una vera scoperta. Pautasso è un uomo di poche parole, pragmatico, avvezzo all’approfondimento ma al contempo sobrio e contenuto. La nostra conversazione si è presto tramutata in uno scambio di mail. Ci siamo trasmessi consigli e suggestioni, il nostro dialogo è sempre stato aperto e franco. Un’ulteriore sorpresa è stata l’edizione de “Il francoprovenzale di Mocchie e Laietto” (giugno 2014), ove Francesco Pautasso compie una selezione ragionata di quanto già proposto nel libro precedente e arricchisce il suo lavoro con i disegni di Giorgio Cinato.

Si tratta di un volume in cui la memoria si lega indissolubilmente alla lingua. La ricerca linguistica non si slega mai dalle narrazioni della sua mente, quelle legate all’infanzia trascorsa sulle montagne di Condove, attorniato da una famiglia numerosa e unita. Pare di risentire le voci di quelle persone che un tempo affollavano i versanti. La scelta di tornare alla propria terra d’origine dopo aver trascorso molti anni all’estero, è per Pautasso un segno di profondo rispetto verso un mondo che ha lasciato da giovane e che non ha più trovato al suo ritorno nell’età della pensione. Dopo un’analisi del francoprovenzale e dei suoi aspetti storici e percezionali, è assai interessante la riflessione che egli compie intorno al sistema grafico, vero cruccio di chi chiunque si appresti a scrivere una lingua prettamente orale. Non è qui il caso di dilungarsi sulle scelte fatte, più importante è scorrere l’indice dell’opera nel quale già si manifestano le preferenze di metodo messe in atto per la trattazione. La raccolta di parole per temi o gruppi semantici, i lunghi elenchi corredati di traduzione in italiano, la fitta presenza di testi in lingua e un significativo apparato di spiegazioni grammaticali, fanno di questo dizionario uno strumento fondamentale per la conoscenza del francoprovenzale di quell’area, attualmente privo di pubblicazioni come quella corposa di Pautasso. Alcune centinaia di lemmi, riuniti nell’ambito di una raccolta lessicografica, dal francoprovenzale all’italiano e viceversa, concludono l’opera che conta 400 pagine. L’autore ci trasmette una lingua che ha conservato molto della sua originalità e che ha saputo preservarsi dall’inesorabile risalita del piemontese, colonizzatore di tutta la bassa Valle di Susa. Ad una lettura approfondita emerge la presenza di fenomeni fonetici che si ritrovano solo in quest’area. Basti pensare all’evoluzione dei nessi consonantici GL e CL in -d- e in -t- ex. lat. glacies “ghiaccio” diah e lat. clavus “chiodo” è tió. Molto diffusa è la fricativa laringale -h-, anche in sede finale di parola, vedasi appunto diah “ghiaccio”. La progressione dell’accento avvicina molto questa varietà a quelle della Val Cenischia, si pensi a parole come luneù “luna” e èipieù “spiga”, mentre però nei paesi ai piedi del Moncenisio essa si estende anche ai nomi maschili, qui si riscontra solo in quelli femminili. Come detto sopra, uno dei meriti di Pautasso è stato quello di raccogliere dei testi nei quali la lingua viene presentata a tutto tondo, nei suoi aspetti fonetici, morfologici e grammaticali. Da essi emergono una profusione di espressioni idiomatiche e un grande bagaglio di saperi e di conoscenze che richiamano incessantemente il sostrato culturale dell’autore, fatto di ricordi di un mondo che lo ha segnato e che lo ha condotto a quest’opera assai estesa. Sicuro che il lavoro di Francesco Pautasso non si esaurisce con la pubblicazione “Il francoprovenzale di Mocchie e di Laietto” ma che prosegue nella quotidianità di uno studio fatto di scavi nella memoria e di ricerca sul campo, così come fa ciascuno di noi, non mi resta che invitare tutti ad appassionarsi alla lingua come il nostro autore e, perché no, a possedere una copia di questo libro.        

franco-provenzale

De m’ansevêno de cònque Enzo Vayr, an intreunn o Ce.S.Do.Me.O. de Dzalhon din l’otóbro do 2013, ou m’anon-hiéve la premiére edishon d’in dishounéro de l’ére de Paboutrì e do Lieut, din la comeune de Condove. L’intré et ià si fort que d’èin pa atandù ni in scon a mandà l’otour e a sartsìe in sampléro de hè lêvro. Din lo tort de po de dzòrt d’èin organizhò ina rancontra avó Francesco Pautasso (Ciquin de Felicina comme i se sinhe din l’antrodushon) loquin ou s’èt anfrontà avó son “Spalufrì, m’ign, soufràm. Divagazioni sul patois di Laietto” (stèimbro 2013). Pre no et ià ina dehevèrta ahonèinta. Pautasso et in omó pémo, praticco, bieunn couhemà a la refleshon e an mémo tèin simplo e clhavelà. Nóhra conversashon lh’èt fit vriiò an in sòndzo de mesadzo mail. De no sèin desanjò de consèlh e d’ampreshon, nóhro dialogo et delon ià ivèrt e fròn. In otra dehevèrta et iaia l’edishon de “Il francoprovenzale di Mocchie e Laietto” (zouin 2014), anté que Francesco Pautasso ou fèt ina seleshon rèizonaia de heunn qu’ou l’avèt propozà din lo lêvro de deveunn e ou l’anretsèit son óvra avó li desèin de Giorgio Cinato.

Et in lêvro aionn que la memouére lhe se ilhe dur a la lèinga. La resèrtse languisticca lhe se dehatse zhamé de narashon de sa téha, hleu de son anfòn-he pasaia desù le montinheù de Condove, aherclhà de sa familhe nembrouza e gropaia. I sèimble de sèintre le vouès de hleu preseneù qu’in iadzo ou s’amouhelavo din hi verseunn. La hernouò de tornà a la tèra de se dzènn apré in lon tèin viò loèin, et ià pre Pautasso in sinho de deferèin-he pre in mondo qu’ou l’avèt lishò dzevenó e qu’ou l’èt pa mé trovà o tèin de son artort a l’adzo de la panshon. Apré in’analizhe do francoprovansal e de si elemeunn istoricco e perseshonalo, lh’eut bieunn antrishèinta la refleshon que lhoueù ou fèt a l’antort do sistémo graficco, lo tsagrin lo plu hot de hi qu’ou s’apreusto a scrire ina lèinga rinque orala. De me delondzo pa trot ieu desù le herneuve féte, plu amporteunn et de pasà l’andeuc de l’óvra din loquin dzò ou se móhro le preferèin-he de metodo anovraie din la tratashon. La culhetò de non pre témo on pre ansèin semanticco, le londze liste arquincaie de tradushon an italhòn, la prezèin-he fehiò de testo an lèinga e ina notabla seshon d’esplicashon de gramére, ou font de hè dishounéro in estrumeunn fondamantalo pre la cunusòn-he do francoprovensal de hl’ére, arò sèin-ha peblicashon ‘me hlò ina vriiò ahandouò de Pautasso. Carqui hantèin-ne de non, arbahà din lo doméno de ina culhetò lesicograficca, do francoprovansal a l’italhòn e a l’arboursa, ou frenèiso l’óvra que lhe conte 400 padze. L’otour ou no balhe ina lèinga que lh’èt sou vardà bieunn de son vieulh e que lh’èt sou defèindreseù de la tribla avan-hiò do piemontèi, métre de la basa Val de Suze. An lezeunn bieunn ba lhe merdzèit la prezèin-he de fenoméno foneticco qu’ou se tróvo din l’ére. I no sufit de sondzìe a l’evolushon de GL e CL an -d- e an -t- ex. lat. glacies “glhé” diah e lat. clavus “clhó” è tió. Bieunn ahandouò lh’eut la fricativa laringala -h-, aseù an fin de non, i s’avouitisse mé diah “glhé”. La progreshon de l’acseunn de hêta varietà lhe s’aprotse bieunn a hleu de la Val de Heniclha, comme din li non luneù “lunò” e èipieù “efì”, totun stou que din li veladzo o piò do Mohnì lhe s’aheunt aseù i non masculino, ieu lhe se vouèit rinque din li non femenino. Meunn que d’èin deut desù, unò de le valour de Pautasso et iaia hlò d’amasà de testo anté que la lèinga lhe veunt prezentaia an plèin, din si caro foneticco, morfolozhicco e gramaticalo. De hiti lhe merdzèit in mouhèl d’espreshon idiomatique e in greunn begadzo de savê e de cunusòn-he qu’ou l’armòndo sèin-ha plantase la culteura de l’otour, féta d’anseveniòn-he d’in mondo qu’ou l’èt marcà e que l’èt portà a hl’óvra bieunn londze. Sur que lo travòlh de Francesco Pautasso ou frenèit pa avó la peblicashon “Il francoprovenzale di Mocchie e di Laietto” ma lhe vèt ineunn avó lo steujo fèt de curadzo din la memouére e de resèrtse, comme que fèt tsacun de nizhotri, i me sufit d’anvitavo tpit a la pashon de la lèinga comme nóhro otour e, prequèi pa, a prèindre ina copìe de hè lêvro.        


Condividi